venerdì 24 febbraio | 05:47
pubblicato il 28/apr/2016 14:46

Smart cities, Galdi (Anci): motore scaldato, finalmente si parte

Avviate iniziative nazionali per le città metropolitane

Smart cities, Galdi (Anci): motore scaldato, finalmente si parte

Roma, (askanews) - Cosa sono le cosiddette Smart Cities, come ci si sta muovendo in questo campo in Italia e quali sono quindi le iniziative in campo. Ad askanews fa il punto sul tema la dottoressa Antonella Galdi, vicesegretario generale e responsabile Innovazione dell'Anci, l'associazione nazionale dei comuni italiani.

"La smart city è la città del futuro, attenta ai bisogni dei cittadini, che utilizza le nuove tecnologie per garantire migliori servizi, ideati e pensati anche attraverso il lavoro e la collaborazione che gli enti pubblici devono avere con la propria comunità al fine di erogare servizi utili, interessanti, innovativi e quindi smart, cioè intelligenti".

Quali sono i progetti e le iniziative in campo in materia di smart cities in Italia e che ruolo ha l'Anci?

"Da diversi anni lavoriamo a questo tema, ed è importante avere una sede di coordinamento e confronto su quanto fatto e su quello che c'è da fare da parte delle amministrazioni locali in relazione con l'amministrazione centrale, sui progetti che stiamo portando avanti. Abbiamo quindi costituito un osservatorio al quale hanno aderito un centinaio di città. Fare progetti di questo tipo non è semplice, serve soprattutto, oltre alle risorse, una visione strategica sul futuro dei territori. Finora si sono fatte più iniziative a carattere divulgativo ma il motore è stato scaldato e finalmente stanno partendo diverse iniziative a carattere nazionale che hanno al centro questi progetti. Innanzitutto un programma operativo nazionale per le città metropolitane finanziato con fondi Ue per interventi che si riferiscono all'attuazione dell'agenda digitale, alla mobilità, all'efficienza energetica e all'innovazione sociale. Poi c'è l'iniziativa del Mise, sempre riferita alle città metropolitane anche per l'impatto in termini di popolazione complessiva. Qui si lavora molto sul tema delle imprese, per avviare strumenti innovativi di selezione dei progetti con bandi "pre-commerciali". E le città ci stanno segnalando i propri bisogni e i territori di riferimento di quei bisogni, poi attraverso un processo di accoppiamento basato proprio sui bisogni si procederà con un modello che vuole utilizzare appunto le nuove tecnologie per essere il più possibile attinente e vicino alle reali esigenze dei cittadini sul territorio dove risiedono".

Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech