mercoledì 18 gennaio | 11:44
pubblicato il 18/feb/2016 17:12

Smaltimento rifiuti elettronici: cosa ne pensano i produttori

L'Italia è un modello ma c'è ancora tanto da fare

Smaltimento rifiuti elettronici: cosa ne pensano i produttori

Milano (askanews) - L'Italia ha un sistema di raccolta e trattamento dei rifiuti derivanti da apparecchiature Elettriche ed Elettroniche avanzato e competitivo, ma comunque c'è ancora da fare. Un'indagine, commissionata dal Consorzio ECODOM a IPSOS, ha cercato di capire quale sia il punto di vista dei produttori esaminando i "pro" e "contro" riguardo alle novità introdotte dal Decreto Legislativo (49/2014) che ne regola la gestione come spiega Giorgio Arienti, Direttore generale di ECODOM.

"E' stata una ricerca che ha rivelato da un certo punto di vista una disinformazione dei produttori, che non sanno come funziona il sistema RAEE e che dunque vivono la loro responsabilità come un obbligo di natura amministrativa o finanziaria, devono contribuire alla gestione del trattamento dei prodotti a fine vita ma non sanno in che modo questo avvenga, altri più informati hanno un giudizio più positivo sul sistema italiano, che rappresenta una eccellenza a livello europeo".

Questo però ancora non basta, come spiega Nando Pagnoncelli, Presidente di IPSOS.

"Il 70% dei rifiuti di apparecchiature Elettriche ed Elettroniche è disperso, la percezione da parte degli operatori è che questo fenomeno sia più limitato, ecco che diventa essenziale che aumenti il livello di consapevolezza di tutti gli attori della filiera ma anche dei consumatori".

La presenza di questo "canale parallelo" comporta un enorme danno ambientale ma anche un danno economico per l'intera collettività. Riciclare correttamente i RAEE è dunque un impegno primario per tutti.

"Pochi consumatori lo sanno ma quando si compra un nuovo frigorifero o una nuova lavatrice si versa anche un contributo che solo in pochi negozi è visibile che finanzia l'attività di ECODOM e gli altri sistemi collettivi. Il fatto che ci sia una competizione tra più soggetti fa si che questo contributo nel tempo sia sceso anche in modo significativo e credo continuerà a scendere".

Gli articoli più letti
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa