martedì 21 febbraio | 14:16
pubblicato il 02/gen/2012 05:10

Sindacati: Rischio di tensioni sociali, subito Piano per lavoro

Camusso: "Governo dialoghi e abbia più coraggio"

Sindacati: Rischio di tensioni sociali, subito Piano per lavoro

Roma, 2 gen. (askanews) - Nei prossimi mesi di recessione c'è il rischio di nuove tensioni sociali e serve subito un piano per il lavoro, che è la vera emergenza. Cgil, Cisl e Uil lanciano l'allarme per il 2012 e incalzano il governo, che al contrario - con il premier Mario Monti - confida che non ci sarà conflitto sociale. La richiesta forte, reclamata dai leader dei sindacati confederali in un colloquio con TMNews, è di cambiare rotta e avviare il confronto con le parti sociali, dalla riforma del mercato del lavoro alle misure per la crescita. "Nei prossimi mesi - sottolinea il segretario generale della Cgi, Susanna Camusso - la recessione avrà un impatto duro sull'occupazione e sui redditi. Il rischio che cresca il conflitto sociale man mano che cresce la disuguaglianza è reale. Anche per questo - afferma - è meglio che il governo abbia più coraggio di quanto ne ha avuto finora e apra un confronto esplicito e costruttivo con le parti sociali sui temi della crescita e dell'occupazione". Per il numero uno della Cisl, Raffaele Bonanni, il rischio di conflitto sociale "dipenderà solo dal comportamento del governo. La Cisl chiede una concertazione vera su tutti i temi economici e sociali. La necessaria rapidità delle decisioni non può divenire un alibi per evitare il confronto con il sindacato. Non accetteremo - evidenzia - pacchetti prefeconfezionati o ispirati da altri". "Non è nostra intenzione - aggiunge il leader della Uil, Luigi Angeletti - fare del conflitto sociale la nostra regola, ma è chiaro che il governo si illude se pensa che possiamo sopportare un 2012 carico di disoccupati. La combinazione - conclude - di pensioni più basse, redditi reali decrescenti e minore occupazione non è un buon viatico per la pace sociale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia