mercoledì 18 gennaio | 03:43
pubblicato il 10/set/2011 19:15

Sindacati/ Camusso: Aperture Bonanni? Decidiamo qual è orizzonte

Non è una stagione semplice, ma l'unione è comunque obiettivo

Sindacati/ Camusso: Aperture Bonanni? Decidiamo qual è orizzonte

Carpi (Modena), 10 set. (askanews) - "Non è una stagione semplice per il sindacato" italiano, dopo gli attacchi alla Cgil per lo sciopero del 6 settembre. Ma se c'è un'apertura da parte del segretario della Cisl Raffaele Bonanni, ci si può mettere al tavolo per vedere "qual è l'orizzonte". "Per noi l'unità del sindacato è comunque un obiettivo". Lo ha detto il segretario della Cgil, Susanna Camusso, nel corso di un dibattito alla presentazione del nuovo anno accademico dell'Università Libera Età 'Natalia Ginzburg', a Carpi. "Siamo stati in questo lungo periodo oggetto di attenzione e affermazioni che hanno spesso superato il limite del rapporto tra le organizzazioni - ha precisato Camusso -. Penso che un sindacato debba sempre rispettare gli altri; non può dire che lo sciopero indetto da un altro sindacato è demenziale; non può dire che dipende ed è subalterno a qualcun altro; non ha bisogno di incontri clandestini e di rapporti non trasparenti tra le parti. Noi rappresentiamo interessi personali". "Non è una stagione semplice per il sindacato - ha aggiunto -, le divisioni sono state molto profonde e quando travalicano certi limiti diventa difficile" riprendere i rapporti. "Per Cgil il tema dell'unione sindacale è l'obiettivo". Bonanni, ha spiegato il segretario della Cgil "è passato da dire che noi siamo incapaci di un orientamento a proporci un patto. Forse" il suo ripensamento è "determinato dal segno lasciato dal nostro sciopero, dalle difficoltà che ci sono in questo momento, dalla manovra e dalla discussione sull'art. 8...". "'Dare la mano' a Bonanni è un termine sbagliato: se tutti diamo una mano a difendere lavoratori e pensionati" ci si può incontrare; "l'obiettivo di essere uniti si costruisce sulle politiche che intendi fare, da domani". "Credo che Cisl e Uil - ha concluso Camusso - hanno la grande occasione di difendere gli accordi che abbiamo fatto insieme e di cancellare le leggi sbagliate. Decidiamo qual è l'orizzonte. Per noi che siamo scesi in piazza è chiaro: cambiare questa manovra e cancellare l'art. 8".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa