domenica 11 dicembre | 14:55
pubblicato il 20/mar/2014 12:26

Siena/Universita': nel 2015 ospitera' conferenza mondiale degli Atenei

(ASCA) - Siena, 20 mar 2014 - Lo sviluppo sostenibile come obiettivo per il futuro del globo e come ambito di innovazione nella formazione universitaria e' il tema a cui e' dedicata la conferenza mondiale annuale dell'International Association of Universities, che si sta svolgendo a Iquitos, in Peru'. L'impegno a raggiungere lo sviluppo sostenibile in tutti i continenti, anche grazie all'azione delle universita' sia sul piano della formazione dei futuri laureati che della ricerca scientifica sono al centro del documento finale al quale stanno lavorando i delegati degli Atenei e degli organismi governativi a Iquitos.

Alla conferenza partecipa come relatore il rettore dell'Universita' di Siena, Angelo Riccaboni, membro del board dell'organizzazione internazionale, alla quale aderiscono le universita' di oltre 120 Paesi di tutto il mondo.

Riccaboni ha anticipato la notizia che il prossimo meeting annuale mondiale 2015 dell'International Association of Universities sara' proprio nella citta' del Palio. ''Si tratta di una scelta che ci riempie di soddisfazione che premia le nostre capacita' nelle relazioni e il nostro impegno sul fronte dell'internazionalizzazione. La conferenza sara' dal 28 al 30 ottobre 2015. Sara' un'occasione di elevato livello, che portera' a Siena le rappresentanze delle migliori Universita' del mondo'', ha commentato Riccaboni. ''Lo sviluppo sostenibile'', ha detto il professor Riccaboni, '' che l'Universita' di Siena ha adottato ormai da qualche anno come concetto-guida per la propria programmazione, e' sicuramente riconosciuto come l'obiettivo a cui dovranno tendere tutte le societa' nel mondo, sia nei paesi sviluppati sia nei Paesi emergenti. Le universita', in tutti i continenti, sono ben consapevoli di cio' e la conferenza internazionale che si sta svolgendo in Peru' ne e' la chiara dimostrazione. In questo contesto, l'esperienza del nostro Ateneo, che e' entrato a far parte del progetto UNSDSN ( United Nations Sustainable Development Solutions Network) con un ruolo preciso per il Mediterraneo, costituisce un modello innovativo, che sta riscontrando molto interesse internazionale''.

red/com

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina