lunedì 23 gennaio | 12:08
pubblicato il 25/giu/2013 13:39

Sicurezza: Assiv, il 26,4% famiglie pensa di vivere in zone a rischio

(ASCA) - Roma, 25 giu - Il 26,4 per cento delle famiglie italiane sente che la zona in cui vive e' a rischio criminalita'. Secondo i dati dell'indagine Istat 2012 sulle famiglie, elaborati dall'Osservatorio sulla sicurezza sussidiaria e complementare dell'Assiv, l'associazione della vigilanza privata aderente a Confindustria, la percezione di insicurezza e' rimasta quasi invariata a livello nazionale rispetto al 2011 (26,6%), variazioni invece vengono registrate a livello territoriale.

La regione italiana che si sente meno sicura e' la Campania, che occupa il primo posto con il 38,7 per cento delle famiglie che dichiarano presenza di rischio criminalita' nella zona in cui vivono. Pur mantenendo il primo posto nella classifica dell'insicurezza, la Campania ha pero' fatto molti passi avanti, registrando il maggior tasso di riduzione (-6,7%) della percezione di insicurezza rispetto all'indagine 2011. Al secondo posto si colloca il Lazio, dove l'insicurezza e' percepita da 32,9 famiglie su 100, anche qui in calo sul 2011 (-1,9%). Sale molte posizioni, dal nono al terzo posto, l'Umbria dove sono 32,7 su cento le famiglie che sentono il rischio criminalita', con un aumento del +10,8% rispetto al 2011. Al quarto posto si colloca il Veneto con 29,4 famiglie su cento (+4,2%) e al quinto la Lombardia con 29 famiglie (in calo del -3,2%). Subito dopo e' la volta del Piemonte con il 27,4 per cento (+0,7%) e a seguire della Puglia dove le famiglie che dichiarano rischio criminalita' sono 25,7 su cento, in aumento dell'1,3%.

Le regioni dove invece la percezione di insicurezza e' piu' bassa sono guidate dal Trentino Alto Adige, dove solo 8,6 famiglie su cento (+ 0,3%) dichiarano la presenza di rischio criminalita' nella loro zona. Il secondo posto e' della Valle d'Aosta col 13,1 per cento delle famiglie (+2,3%), seguita a pari merito da Friuli Venezia Giulia e Molise con il 13,8 per cento, ambedue con percentuale invariata rispetto al 2011. Le altre regioni piu' tranquille sono tutte meridionali: la Sardegna e' al quarto posto con 14,3 famiglie su cento (-1,9%), la Basilicata al quinto con 14,6 per cento (ma rispetto al 2011 segna una crescita del 6,4% e scende di tre posizioni), seguita da Abruzzo con 16,9 famiglie su cento (-0,7%) e Calabria con 17,8 per cento (+3,1%). I dati Istat sul numero di furti nelle abitazioni denunciate dalle forze dell'ordine, elaborati dall'Assiv, mostrano comunque un quadro sempre piu' preoccupante. Negli ultimi sei anni i colpi messi a segno dai ladri d'appartamento sono aumentati del 67%, passando da 141.601 del 2006 a 236.615 del 2012. Per aumentare il livello di sicurezza nelle citta' con il coinvolgimento delle guardie giurate armate, l'Assiv ricorda che il Ministero dell'Interno ha emanato nel 2010 il decreto che fissa norme piu' stringenti per la qualita' dei servizi della vigilanza privata, e ha inoltre varato il progetto ''Mille occhi'' che prevede la collaborazione degli istituti di vigilanza privata con le forze dell'ordine. Le imprese di vigilanza in Italia sono 896 con oltre 52.000 addetti dei quali circa il 90 % con qualifica di guardia giurata armata.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4