domenica 04 dicembre | 01:11
pubblicato il 05/mag/2012 17:54

Sicilia, turismo e commercio per combattere disoccupazione

Dalla decima giornata econonmia le ricette per uscire da crisi

Sicilia, turismo e commercio per combattere disoccupazione

Milano, (askanews) - Pil in picchiata e disoccupazione in ascesa. I dati che fotografano la situazione della Sicilia, e del Sud in genere, messi sul piatto durante la decima giornata dell'economia parlano di una strada ancora lunga per uscire dalla crisi.Angelo Villari è il segretario generale Cgil della Provincia di Catania."I livelli di disoccupazione sono ormai inaccettabili basta vedere quello che succede alle donne e ai giovani, mentre 33 è a livello nazionale è il percento qui, parliamo di oltre il 55 per cento tra i giovani con meno di 24 anni che non trovano lavoro, quindi più di un giovane su due e più del 60-65 per cento tra le donne che non trovano lavoro".Per il presidente della Camera di Commercio di Catania, Pietro Agen, turismo e commercio sono la risposta alla crisi, ma coordinamento e cooperazione sono le vere parole d'ordine."Spesso diciamo ai nostri imprenditori dovete fare rete, io credo che la prima rete la devono fare gli enti pubblici, regioni, camere di commercio devono diventare un unicum per lanciare il prodotto Sicilia all'interno del prodotto Italia".

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari