domenica 22 gennaio | 11:34
pubblicato il 04/apr/2013 16:19

Sia: si rafforza in Europa con la belga SinSYS

(ASCA) - Roma, 4 apr - Le assemblee straordinarie degli azionisti di SIA e di SiNSYS hanno approvato il progetto di fusione transnazionale per incorporazione in SIA della controllata belga SiNSYS completando il processo di integrazione delle due societa' finalizzato a rafforzare ulteriormente il presidio del Gruppo a livello internazionale e a conseguire una maggiore efficienza operativa con vantaggi economici.

L'operazione, efficace dall'inizio dell'anno, non comporta alcuna modifica della composizione del Consiglio di amministrazione di SIA e prevede l'annullamento senza concambio di tutte le azioni rappresentanti l'intero capitale sociale di SiNSYS, dal momento che SIA era gia' in possesso del 100% dopo l'acquisizione da Atos Worldline del 49% nel luglio 2012.

Le attivita' di SinSYS, specializzata nella gestione delle transazioni di pagamento con carte internazionali di debito e credito con oltre 1 miliardo di operazioni l'anno, circa 30 milioni di carte e 700.000 esercenti in 12 paesi europei, verranno quindi proseguite da SIA. Cio' avverra' anche attraverso l'istituzione in Belgio della filiale di Bruxelles che fungera' da ''regional hub'' nell'Europa nordoccidentale con l'obiettivo principale di sviluppare nuovi progetti e iniziative nelle aree dei pagamenti, della monetica, dei servizi di rete e dei mercati dei capitali, in stretta collaborazione con la capogruppo.

L'incorporazione permette anche di aumentare la capacita' competitiva del Gruppo SIA grazie a significative sinergie in ambito IT, come ad esempio l'integrazione e la semplificazione operativa su un'unica infrastruttura centralizzata delle attivita' di card processing, test e sviluppo software. Nell'Europa nordoccidentale, SIA ha debuttato con un significativo contratto internazionale con la banca europea ''Chaabi Bank'' grazie al quale la societa' del Gruppo marocchino Banque Populaire (GBP) potra' per la prima volta emettere carte di debito in Olanda.

Il progetto prevede la distribuzione delle prime carte gia' nel corso del 2013 e sara' poi esteso gradualmente anche ad altri paesi tra cui Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia e Spagna.

In base all'accordo, l'infrastruttura tecnologica di SIA gestira' direttamente il processing delle transazioni con carte di pagamento oltre ad un servizio avanzato di gestione dispute e prevenzione frodi: si tratta di uno strumento che permette di prevenire e bloccare in tempo reale eventuali operazioni fraudolente grazie alla possibilita' di creare regole personalizzate e all'integrazione con il sistema autorizzativo delle carte.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4