venerdì 02 dicembre | 21:39
pubblicato il 08/set/2011 05:00

Sì alla Manovra, tafferugli davanti al Senato e Palazzo Grazioli

Palazzo Madama ha approvato il testo su cui il governo ha posto la fiducia, protesta di 400 manifestanti con slogan e petardi

Sì alla Manovra, tafferugli davanti al Senato e Palazzo Grazioli

Roma, 8 set. (askanews) - Via libera del Senato alla fiducia sul maxiemendamento alla manovra. Il testo, approvato con 165 sì, 141 no e 3 astenuti, passa adesso all'esame della Camera per la seconda lettura. L'entità del decreto dopo il passaggio a Palazzo Madama è salito a 54,2 miliardi nel 2013, anno in cui si dovrà raggiungere il pareggio di bilancio. Negli stessi minuti in cui il Senato varava il testo fuori dal palazzo, a due passi da piazza Navona, si sono registrati alcuni momenti di tensione con circa 400 manifestanti che hanno cercato di forzare il blocco delle forze dell'ordine. I manifestanti pur non essendo riusciti ad arrivare al portone, hanno lanciato alcuni petardi e fumogeni e si sono poi allontanati. Sono intervenuti agenti della polizia in assetto antisommossa, blindando tutta la zona. Il corteo di Cobas e Usb si è quindi spostato in direzione Palazzo Grazioli, residenza di Silvio Berlusconi, senza però riuscire a raggiungerla per via dell'intervento della polizia. Successivamente i manifestanti si sono diretti verso Montecitorio. Tra le ultime modifiche al testo varato dal Senato ci sono l'aumento dell'Iva dal 20 al 21%, un prelievo del 3% sui redditi superiori ai 300mila euro e l'anticipo dell'entrata in vigore delle norme sulle pensioni delle donne. Da ultimo è sbucato anche un corposo taglio alla prevista riduzione delle indennità dei parlamentari che hanno un doppio lavoro. Deputati e senatori che hanno un secondo reddito vedranno ridotto lo stipendio da parlamentari del 10% (se l'indennità supera i 90mila euro) e non più del 50%. Il taglio sale al 40% per le indennità che superano i 150mila euro. La Commissione europea intanto ha salutato con favore le misure della manovra annunciate dal governo. Secondo l'esecutivo comunitario, "confermano la determinazione delle autorità italiane a conseguire gli obiettivi concordati per la riduzione del deficit e del debito", e allo stesso tempo "contribuiscono ad affrontare le debolezze strutturali profondamente radicate dell'economia italiana". La nota di Bruxelles ha aggiunto che "anche la decisione sull'età pensionabile è un segnale importante", e che "la conferma della decisione di introdurre nella Costituzione il principio del pareggio di bilancio e l'abolizione delle province costituiscono dei miglioramenti decisivi. Il maggior gettito previsto dall'aumento di un punto dell'Iva, è destinato al miglioramento dei saldi del bilancio pubblico. Ci sarà poi anche l'accelerazione sul ddl costituzionale che introdurrà nella Carta la "regola d'oro" sul pareggio di bilancio e che attribuirà alle regioni le competenze delle province. Ddl che sarà approvato giovedì nel Consiglio dei Ministri convocato per le 9. Red-Bat 072042 SET 11

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari