martedì 21 febbraio | 19:49
pubblicato il 19/set/2014 10:04

Serbia, governo con la scure su salari pubblici e pensioni

(ASCA) - Roma, 19 set 2014 - Pesanti misure d'austerita' interesseranno a partire da ottobre i dipendenti pubblici e i pensionati serbi. Il primo ministro Aleksander Vucici, in un'intervista alla televisione pubblica, ha spiegato che ci saranno tagli alle retribuzioni nel settore statale e un taglio progressivo alle pensioni. Vucic ha spiegato - secondo quanto riporta il sito internet della radio B92 - che i salari superiori a 25mila dinari (211 euro) saranno tagliati del 10-10,5 per cento. Le pensioni subiranno tagli progressivi sulle pensioni dal 3,1 al 10 per cento. Il premier ha affermato di sperare che questi tagli permettano di far uscire il paese dalla crisi nel 2016. Pur assicurando che la Serbia non e' a rischio bancarotta, Vucic ha sottolineato che il debito pubblico di Belgrado e' cresciuto da 8 miliardi di euro a 17,67 miliardi di euro tra il 2008 e il 2012. Mos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia