lunedì 05 dicembre | 10:27
pubblicato il 19/set/2014 10:04

Serbia, governo con la scure su salari pubblici e pensioni

(ASCA) - Roma, 19 set 2014 - Pesanti misure d'austerita' interesseranno a partire da ottobre i dipendenti pubblici e i pensionati serbi. Il primo ministro Aleksander Vucici, in un'intervista alla televisione pubblica, ha spiegato che ci saranno tagli alle retribuzioni nel settore statale e un taglio progressivo alle pensioni. Vucic ha spiegato - secondo quanto riporta il sito internet della radio B92 - che i salari superiori a 25mila dinari (211 euro) saranno tagliati del 10-10,5 per cento. Le pensioni subiranno tagli progressivi sulle pensioni dal 3,1 al 10 per cento. Il premier ha affermato di sperare che questi tagli permettano di far uscire il paese dalla crisi nel 2016. Pur assicurando che la Serbia non e' a rischio bancarotta, Vucic ha sottolineato che il debito pubblico di Belgrado e' cresciuto da 8 miliardi di euro a 17,67 miliardi di euro tra il 2008 e il 2012. Mos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari