lunedì 20 febbraio | 02:50
pubblicato il 16/set/2015 16:46

Se non vi piace potrete dirlo, su Facebook in arrivo il "dislike"

L'annuncio di Zuckerberg: lo stiamo testando

Se non vi piace potrete dirlo, su Facebook in arrivo il "dislike"

Roma, (askanews) - Non solo "mi piace". Tra poco su Facebook sarà possibile esprimere anche il contrario, cliccando sotto post, foto e altri contenuti condivisi sul social network.

A dare la notizia è stato lo stesso fondatore Mark Zuckerberg, dal suo quartier generale in California, spiegando che sono in corso dei test sul bottone per il "dislike", e che arriverà molto presto. Tuttavia secondo Zuckerberg la cosa è più complessa: il nuovo bottone non sarà semplicemente un pollice verso, ma deve servire a esprimere empatia con l'autore del post in caso di notizie tristi.

Gli utenti di Facebook da anni chiedono una opzione per il "dislike". D'altronde non sempre vengono condivise cose divertenti e simpatiche, capita spesso di vedere video o foto-denuncia, scene drammatiche di incidenti, tragedie, o semplicemente post più tristi. Tutti contenuti a cui non è appropriato dare un "mi piace".

L'obiettivo di Facebook ha detto però Zuckerberg è quello di diventare un luogo in cui gli utenti possano esprimere varie emozioni, non solo un forum dove si dice "si" o "no" come se si trattasse di un sondaggio.

Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia