domenica 04 dicembre | 19:49
pubblicato il 04/set/2014 16:57

Scatta piano Draghi salva crescita: tassi a zero e liquidita'

Ma presidente Bce avverte:senza riforme non c'e' stimolo che tenga (ASCA) - Roma, 4 set 2014 - Un nuovo taglio a sorpresa, con cui allo 0,05 per cento i tassi di interesse dell'area euro non solo toccano il nuovo minimo storico, ma anche il minimo assoluto.

Perche' piu' giu' di cosi' non andranno, ha chiarito il presidente Mario Draghi: quindi le banche non esitino ad avvalersi subito dei nuovi imminenti rifinanziamenti agevolati (e vincolati al riutilizzo nell'economia reale). In piu' l'Eurotower ha annunciato anche la data di inizio del programma di acquisti di titoli cartolarizzati (Abs) a cui lavorava da alcuni mesi: scattera' a ottobre.

Il tutto in risposta al deterioramento del quadro nell'area euro. L'inflazione e' ulteriormente calata, le stesse attese generali del pubblico sull'inflazione futura si sono indebolite.

E a partire da agosto "molti dei dati giunti hanno mostrato che la ripresa sta perdendo slancio", ha rilevato Draghi nella conferenza stampa al termine del Consiglio direttivo. La Bce mette in campo una serie di interventi che prevede abbiano "un impatto rilevante sul nostro bilancio", ha detto.

E che auspicabilmente abbiano effetti sensibili anche sull'economia. Ma qui Draghi ha subito messo le mani avanti. "Non ci sta stimolo monetario o fiscale che possa dare effetti in assenza di riforme importanti". E a chi gli obiettava che le riforme hanno costi sociali, e soprattutto costi in termini di popolarita' per le maggioranze di governo che cercano di portarle avanti: "La mancanza di crescita non e' essa stessa un costo? Lo vediamo con l'alta disoccupazione. In alcuni casi i salari di entrata sono ai livelli a cui erano agli inizi degli anni 80'".

Il messaggio di Francoforte e' sempre piu' chiaro. La politica monetaria ha fatto la sua parte. Adesso tocca a governi e istituzione democratiche, con le riforme, creare le condizioni affinche' la ripresa possa rafforzarsi e l'occupazione risalire.

Intanto la manovra ha colto di sorpresa molti operatori. Va rilevato che alcuni analisti avevano pronosticato misure simili, ma molti altri invece scommettevano sul mantenimento dello status quo sui tassi. E la reazione dei mercati non si e' fatta attendere. Soprattutto sui cambi valutari con l'euro precipitato al ribasso, fin sotto quota 1,30 euro per la prima volta da 14 mesi. Le Borse hanno segnato accelerazioni e i differenziali tra titoli di Stato, incluso lo spread Btp-Bund, si sono attenuati.

Voz

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari