lunedì 05 dicembre | 17:55
pubblicato il 14/feb/2014 08:32

Scala mobile: 30 anni fa storico accordo di S.Valentino sull'inflazione

Scala mobile: 30 anni fa storico accordo di S.Valentino sull'inflazione

(ASCA) - Roma, 14 feb 2014 - Trent'anni fu siglato il famoso accordo entrato nella storia sindacale come ''accordo di San Valentino''. Fu sottoscritto con il governo Craxi soltanto da Uil e Cisl. La decisione di tagliare di 4 punti la contingenza creo' una spaccatura sindacale, con la Cgil, allora guidata da Luciano Lama, che non firmo' l'intesa. La stessa Cgil si spacco' al suo interno, tra maggioranza comunista e la componente socialista di Ottaviano Del Turco.

Lo scontro fu anche politico, con l' allora segretario del Pci Enrico Berlinguer che si oppose in tutti i modi all'accordo. In sostanza, la trattativa che vide la fine nel giorno di San Valentino ruoto' intorno all'adozione del meccanismo proposto da Ezio Tarantelli che faceva leva sulla rideterminazione dei punti di scala mobile per favorire la discesa dell'inflazione. Dopo un lungo negoziato si arrivo' ad un protocollo in cui il governo prometteva il blocco di prezzi e tariffe per 2 mesi, la sospensione degli scatti dell'equo canone per tutto il 1984 e la restituzione del fiscal drag dall'anno successivo. A fronte di cio' si richiedeva appunto il taglio di alcuni punti di scala mobile.

Ma tra le sigle sindacali non ci fu accordo ed il governo allora' varo' un decreto in cui stabiliva, unilateralmente, il taglio di 4 punti di contingenza. La conseguenza fu la fine della federazione unitaria, con l'approdo al referendum del 9 giugno del 1985 in cui vinsero i ''no'' all'abolizione dell'accordo con il 54,3%.

L'inizio degli anni '90 segno' quindi l'avvio della pratica concertativa, prima con le intese del luglio '92 e poi con l'altrettanto storico accordo del luglio '93, che corresponsabilizzo' parti sociali e governo, allora presieduto da Carlo Azelio Ciampi, nel controllo dell'inflazione e della spesa pubblica, e amplio' gli spazi di contrattazione salariale con l'eliminazione della scala mobile. Nell'accordo del luglio '93 la concertazione venne assunta a metodo. Tra i primi effetti dell'accordo, la riduzione di un punto del tasso di sconto (dal 10 al 9%) da parte della Banca d'Italia.

rf/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari