mercoledì 22 febbraio | 02:41
pubblicato il 26/set/2014 10:31

Sblocca-Italia, Confindustria: decreto positivo ma non risolutivo

Si rinvia alla legge di Stabilita' azione piu' incisiva (ASCA) - Roma, 26 set 2014 - Il dl Sblocca-Italia "va oggettivamente collocato come un intervento in grado di rappresentare un contributo complessivamente positivo, ma non risolutivo e, per diversi aspetti, di natura interlocutoria, in attesa che l'aggiornamento del Def e la presentazione del ddl Stabilita' 2015 chiariscano e completino il quadro della strategia di politica economica del governo e della sua necessaria sostenibilita' finanziaria". E' quanto ha affermato il presidente del Comitato tecnico Infrastrutture, logistica e mobilita' di Confindustria, Vittorio Di Paola. "Pur presentando una notevole complessita' e ampiezza - ha spiegato - il provvedimento nel suo insieme non si discosta da analoghi interventi operati in passato di riallocazione finanziaria e di revisione di strumenti e procedure finalizzati a promuovere l'attivita' economica, anche se con diverse interessanti novita'. Sembra quindi emergere il sostanziale rinvio alla legge di Stabilita' 2015 di un'azione piu' incisiva in materia di finanza pubblica, per reperire risorse da una piu' consistente spending review ed eventualmente da margini di spesa per investimenti di interesse europeo sottratti alla disciplina del patto di stabilita' e di crescita, da destinare ad una manovra di politica economica e fiscale piu' decisamente orientata alla crescita, auspicabilmente concordata e condivisa in sede europea". Ancora una volta, quindi, sottolinea Di Paola, "la Legge di Stabilita' rappresentera' il terreno di verifica su cui sara' possibile misurare la capacita' del governo di adottare le scelte strategiche necessarie per rilanciare il Paese. In un contesto di finanza pubblica molto difficile, anche alla luce dei dati negativi sull'andamento del Pil, sara' necessario effettuare scelte selettive puntando piu' decisamente e concretamente al rilancio degli investimenti pubblici e privati".

(Segue) Gab

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia