mercoledì 18 gennaio | 01:34
pubblicato il 15/apr/2013 14:33

Saras: Rosneft entra col 13,7% per 178 mln. Ai Moratti resta il 50,02%

Saras: Rosneft entra col 13,7% per 178 mln. Ai Moratti resta il 50,02%

(ASCA) - Roma, 15 apr - Rosneft entra nel capitale di Saras acquisendo il 13,70% per circa 178,5 milioni di euro dalla famiglia Moratti che mantiene comunque una partecipazione di controllo pari al 50,02%. Gian Marco Moratti e Massimo Moratti venderanno tutte le azioni da loro personalmente detenute in Saras S.p.A. pari a 6.000.000 ciascuno. L'esecuzione della compravendita e' prevista per il 23 aprile prossimo; dopo il suo perfezionamento Rosneft ha deciso di lanciare un'opa volontaria parziale su 69.310.933 azioni Saras a 1,370 euro per azione ''al fine di consentire agli altri azionisti di Saras S.p.A. di vendere le proprie azioni Saras nella stessa proporzione delle azioni complessivamente vendute dalla Angelo Moratti S.a.p.a., da Gian Marco Moratti, e da Massimo Moratti''.

Il contratto di compravendita prevede anche alcune modifiche dello statuto tra le quali la possibilita' che uno dei membri del Cda sia tratto dalla lista dei candidati presentata e votata da un azionista che detenga singolarmente almeno il 12% del capitale sociale della societa'.

''Crediamo - ha dichiarato Igor Sechin, Presidente di Rosneft - che questa operazione sia un importante passo per la costruzione di una collaborazione di lungo periodo tra Rosneft e Saras. Continuiamo a discutere i termini commerciali di cui alla lettera di intenti sottoscritta con Saras nel dicembre 2012''. ''Diamo il benvenuto a Rosneft - ha dichiarato Gian Marco Moratti, Presidente di Saras - il primo produttore di petrolio grezzo a livello mondiale quotato, come azionista rilevante della societa', e siamo convinti che sia Rosneft che Saras ne beneficeranno sia nel breve che nel lungo termine''. Rosneft e Saras S.p.A. hanno sottoscritto una lettera di intenti che delinea la volonta' delle parti, tra le altre cose, di costituire una joint venture paritetica per la commercializzazione e lavorazione di petrolio greggio e la vendita di prodotti petroliferi.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa