giovedì 08 dicembre | 01:08
pubblicato il 10/mag/2016 16:45

San Marino, Fmi:in convalescenza dopo implosione modello offshore

Dopo 6 anni di recessione lo stato del Titano ha toccato il fondo

San Marino, Fmi:in convalescenza dopo implosione modello offshore

Roma, 10 mag. (askanews) - L'economia di San Marino è ancora convalescente. Il piccolo stato del monte Titano si trova in una fase di transizione dopo l'implosione del suo modello di banca off-shore a seguito della crisi globale con uno schock che ha comportato la perdita di un terzo del Pil dal 2008. Il Fondo Monetario Internazionale, pubblicando i risultati della sua ispezione annuale secondo l'articolo IV del suo statuto, osserva che "dopo sei anni di recessione, l'economia ha toccato il fondo, come riflesso del miglioramento delle relazioni con l'Italia e di depositi bancari stabili. Di conseguenza è prevista una modesta crescita positiva sia per quest'anno sia nel medio termine. Tuttavia, i rischi rimangono, dal momento che la debolezza del settore finanziario continua ad offuscare le prospettive del Paese".

Secondo gli economisti di Washington San Marino sta dunque lentamente archiviando un passato che ha visto i crediti in sofferenza del sistema bancario raggiungere livelli molto elevati. Basti pensare che il salvataggio della maggiore banca del Paese, La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino (Crsm) ha richiesto il 13 per cento del PIL nel 2012-14, e una nuova operazione di sostegno pari al 3 per cento del PIL è in corso. "Una solida posizione fiscale di partenza ha permesso a San Marino - è il giudizio del Fmi - di utilizzare le finanze pubbliche per sostenere l'economia, mentre il deficit e il debito sono rimasti a livelli sostenibili. Il Paese ha anche fatto importanti progressi verso il miglioramento del contesto imprenditoriale e la cooperazione internazionale.

Nella discussione al board del Fmi i direttori esecutivi hanno accolto con favore la recente ripresa dell'attività economica - con una previsione di incremento del Pil dell'1,1% per quest'anno - e ha rilevato che, mentre la prospettiva sta migliorando, rimangono sfide significative. Per trasformare la ripresa in atto in una crescita sostenibile, i direttori hanno incoraggiato le autorità a portare avanti gli sforzi per rafforzare il settore bancario, consolidare i 'buffer' fiscali, e la transizione l'economia di San Marino verso un nuovo modello di crescita più diversificata".

I direttori esecutivi hanno anche sottolineato l'importanza di riabilitare il sistema bancario e di affrontare lo stock molto grande di crediti in sofferenza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni