giovedì 19 gennaio | 05:16
pubblicato il 12/dic/2013 17:01

Salute: Inail e IIT pr sviluppo tecnologie robotiche

(ASCA) - Roma, 12 dic - INAIL e IIT mettono in campo le rispettive eccellenze cliniche e tecnologiche e avviano un'importante collaborazione scientifica per lo sviluppo di tecnologie robotiche nel campo della riabilitazione e della protesica. Il progetto - di durata triennale - e' portatore anche di importanti potenzialita' per la futura industrializzazione e diffusione dei dispositivi che saranno sviluppati. L'accordo di programma - che consolida una collaborazione tra i due Istituti gia' avviata dal 2011 - e' stato firmato oggi da Massimo De Felice, Presidente dell'Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL), e da Gabriele Galateri, Presidente dell'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT). Ottimizzare l'impiego delle risorse umane e delle rispettive conoscenze in campo tecnico-scientifico, protesico e riabilitativo e' l'obiettivo condiviso dai due Istituti, al fine di raggiungere piu' velocemente risultati di elevato livello qualitativo, trasferibili al mondo industriale per la messa in produzione di dispositivi avanzati a costi competitivi e maggiormente sostenibili dal sistema sanitario e dai pazienti, allargando cosi' il numero dei potenziali fruitori. In coerenza con uno degli scopi statutari dell'IIT (il trasferimento tecnologico dalla ricerca all'industria) l'accordo vuole quindi favorire anche lo sviluppo di un'industria italiana innovativa nel settore protesico e riabilitativo. L'accordo - che e' stato illustrato nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche Giuseppe Lucibello, direttore generale dell'INAIL, e Roberto Cingolani, direttore scientifico dell'IIT - fa leva sui riconosciuti livelli di eccellenza internazionale dei partner nei rispettivi ambiti di ricerca. In particolare, verranno lanciati due progetti di elevato livello tecnologico e ad alto impatto sociale: lo sviluppo di un esoscheletro motorizzato per la deambulazione di soggetti paraplegici (l'esoscheletro e' una struttura esterna in grado di potenziare le capacita' fisiche di chi la indossa e puo' avere innovative applicazioni in campo medico e nelle terapie riabilitative). L'esperienza clinica di INAIL, l'analisi dei prodotti gia' disponibili sul mercato e i risultati ottenuti da IIT nel campo della robotica umanoide con particolare attenzione alla sensoristica, al controllo e all'equilibrio nella deambulazione (progetti COMAN e iCub), sono il punto di partenza per lo studio di nuovi esoscheletri che presentino soluzioni innovative legate a vestibilita', controllo, personalizzazione e sicurezza; lo sviluppo di un sistema protesico avanzato di arto superiore che prevede lo studio di una mano poliarticolata e di un polso innovativi in grado di interfacciarsi con le migliori tecnologie oggi disponibili.

L'obiettivo e' di progettare e realizzare dispositivi di piu' facile utilizzo, con un buon livello di affidabilita' e prestazioni e un costo sostenibile per gli amputati e per il sistema del welfare, differenziandosi cosi' rispetto alle numerose mani poliarticolate presenti oggi sul mercato.

L'accordo prevede nei tre anni di durata un apporto di risorse da parte dei due istituti per un valore complessivo di 11,5 milioni di euro.

''Con questo accordo - ha commentato Massimo De Felice - uniamo le nostre forze verso attivita' e prospettive all'avanguardia in un ambito di ricerca di confine come la robotica. Si tratta infatti di una collaborazione che sfrutta in modo molto appropriato le specificita' dei due istituti: da una parte l'alta capacita' di ricerca dell'IIT, dall'altra l'esperienza nel campo della ricerca applicata maturata in tanti anni dall'INAIL, soprattutto con le attivita' svolte presso il Centro protesi di Vigorso di Budrio''. Per il presidente dell'INAIL, ''questa esperienza sara' utile sia per la messa a punto dei prototipi sia nell'educazione all'utilizzo di questi manufatti ad alta tecnologia. Un conto, infatti, e' avere a disposizione gli strumenti e un altro avere l'esperienza necessaria per trasferire a chi dovra' farne uso le nozioni per un utilizzo efficace''.

Gabriele Galateri ha sottolineato che ''per l'IIT questa partnership rappresenta un passo molto importante per il raggiungimento dell'obiettivo della sua missione, che consiste nell'eccellenza scientifica e nel trasferimento dei risultati della ricerca al nostro sistema industriale. La collaborazione con l'INAIL e' molto importante anche per le ricadute positive che ne deriveranno, che si possono valutare su tre piani''. Il primo, ha precisato il presidente dell'Istituto italiano di tecnologia, ''e' quello dei pazienti, che attraverso gli strumenti che saranno messi a punto saranno in grado di ritrovare una vita sociale piena.

Il secondo e' quello della collettivita', perche' questi dispositivi permetteranno di ridurre i costi dell'assistenza, migliorando la sostenibilita' del welfare nazionale. E infine il piano del sistema industriale ed economico del Paese, perche' con questo accordo puntiamo a raggiungere una leadership internazionale in un ambito specifico della robotica''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina