sabato 03 dicembre | 23:11
pubblicato il 16/apr/2015 08:36

Salone del Mobile, da Euromobil protagonista l'arte che arreda

Esposta l'opera realizzata da Celiberti e ispirata a Guernica

Salone del Mobile, da Euromobil protagonista l'arte che arreda

Arte e Made in Italy si fondono nell'arredo del gruppo Euromobil, che al Salone del Mobile di Milano presenta le ultime novità. Protagonista del progetto un'opera realizzata dall'artista Giorgio Celiberti, riprodotta anche su un tappeto ed esposta in anteprima nel polo fieristico di Rho-Pero. Gaspare Lucchetta è amministratore delegato del gruppo.

"L'arte fa parte del nostro Dna aziendale".

Con l'opera esposta al Salone, l'artista ha realizzato un sogno giovanile: è lui a spiegare la scelta di Guernica di Picasso come fonte di ispirazione.

"La nascita dell'arte moderna è questo grande lavoro così drammatico e pieno di qualcosa di indescrivibile. Non esiste sposalizio più bello tra arredo e arte".

L'azienda lavora con architetti famosi e giovani designer italiani e internazionali.

Luigi Lucchetta, responsabile di prodotto Desirèe, marchio del gruppo dedicato al Living.

"Facciamo prodotti di qualità con un target medio alto. Abbiamo investito molto nella tecnologia produttiva così che il prodotto abbia un prezzo finale competitivo e da produrre in Italia senza rinunciare alla qualità".

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari