sabato 10 dicembre | 00:22
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Saldi/ La crisi anticipa i tempi: 70% dei negozi fa già sconti

"Ci sarà calo vendite del 15%, spesa di 224 euro per famiglia"

Roma, 30 dic. (askanews) - I saldi invernali dovrebbero iniziare il 2 gennaio, e in gran parte delle regioni dal 5, ma in realtà per la crisi economica sono già partiti ovunque, con il 70% dei negozi che ha cominciato a fare sconti. Lo afferma il Codacons dopo una verifica nelle maggiori città del Paese. "Da chi mette sfacciatamente - spiega il Codacons - le scritte promozionali in vetrina rischiando la multa, a chi invia ai clienti sms, lettere, tessere sconto o, molto più semplicemente, abbassa il prezzo al momento dell'acquisto". "Il 70% dei negozi italiani - sottolinea l'associazione dei consumatori - di fatto sta già applicando saldi 'sommersi', a dimostrazione della grave crisi che sta vivendo il commercio, i cui effetti si faranno sentire anche durante il periodo di sconti, con una riduzione delle vendite che si aggirerà intorno al 15%, e un budget che non supererà i 224 euro a famiglia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina