sabato 03 dicembre | 04:14
pubblicato il 24/feb/2015 17:03

Sala (Intesa Sanpaolo): Egitto strategico per le imprese italiane

"Sfruttare al meglio nostro vantaggio competitivo"

Sala (Intesa Sanpaolo): Egitto strategico per le imprese italiane

Sharm El Sheik, (askanews) - "L'Egitto è un Paese strategico per l'Italia e le aziende italiane". perché "è una delle pochissime economia emergenti rilevanti, con 90 milioni di abitanti". Lo dice Marcello Sala, vicepresidente del consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo e chairman italiano del Business Council italo-egiziano, che, nel corso della missione imprenditoriale al Cairo, sottolinea come l'Italia abbia un "vantaggio competitivo". "L'Italia è il terzo partner commerciale dell'Egitto e il primo partner europeo. In questo paese come in pochissimi altri" dunque l'Italia ha "effettivamente una posizione privilegiata".

Per sfruttare questa posizione, afferma Sala, è necessario muovere "nella maniera migliore le leve politiche di diplomazia economica e quelle del sistema finanziario per trarre il massimo da quella che potrebbe essere la crescita dell'Egitto nei prossimi anni".

Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari