sabato 03 dicembre | 01:31
pubblicato il 23/ott/2013 18:27

Sace: nei primi 9 mesi utile netto sale a 327 mln (+53%)

(ASCA) - Roma, 23 ott - Risultati positivi per Sace nei primi nove mesi dell'anno. L'utile netto sale a 327,1 milioni di euro, in aumento del 53% rispetto ai 214,2 milioni registrati al 30 settembre 2012, mentre i premi lordi si attestano a 207,6 milioni (+4%), in forte crescita rispetto ai 114,5 milioni registrati nei primi sei mesi dell'anno.

Sale a 34,4 miliardi - si legge in una nota - il portafoglio di operazioni assicurate per export, investimenti e attivita' di internazionalizzazione delle imprese italiane.

L'andamento positivo del conto tecnico e della redditivita' conferma la solidita' del business di SACE, unica tra le istituzioni assicurative e finanziarie italiane a godere di un rating A- (Fitch).

Nei primi nove mesi del 2013, SACE ha continuato a svolgere un importante ruolo di sostegno alla competitivita' del sistema industriale e in particolar modo delle PMI, che rappresentano il 70% dei nuovi clienti acquisiti dall'inizio dell'anno, facilitandone l'accesso al credito e alla liquidita'.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari