lunedì 05 dicembre | 17:54
pubblicato il 27/gen/2014 12:00

Saccomanni ribadisce: economia in ripresa, contiunua a crescere

Dato non contraddetto da rapporto Bankitalia su bilanci famiglie

Saccomanni ribadisce: economia in ripresa, contiunua a crescere

Bruxelles, 27 gen. (askanews) - Secondo il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni non c'è contraddizione fra il quadro drammatico che emerge dal rapporto pubblicato oggi da Bankitalia sui bilanci delle famiglie, - con i redditi calati in media del 7,3% tra il 2010 e il 2012 - e i discorsi moderatamente ottimistici sulla fase attuale di uscita graduale dalla crisi. "Sono analisi non in contraddizione: uscita dalla crisi - ha spiegato il ministro ai giornalisti al termine dell'Eurogruppo, stasera a Bruxelles - vuol dire che c'è una ripresa dell'economia, che si esce dalla recessione; tutte le analisi di Bankitalia si riferiscono all'impatto che lunghi periodi di recessione hanno avuto sulle imprese, sulle famiglie, sulla capacità di spesa degli italiani. Non c'è nessuna contraddizione, sono due fenomeni - ha insistito Saccomanni - che riguardano da una parte l'immediato e dall'altra il futuro, le conseguenze di quel che abbiamo passato. Vuol dire che c'è ancora molto da fare, ma che l'economia si è stabilizzata nel terzo trimestre del 2013, ha iniziato a crescere nel quarto e continuerà a crescere nel 2014". Rispondendo poi a una domanda sulla crisi sempre più grave dell'economia reale, il ministro ha aggiunto: "Sono consapevole della situazione delle fabbriche, dell'occupazione: basta vedere quel che abbiamo cercato di fare con la Legge di Stabilità, con i provvedimenti mirati a ridurre gli oneri fiscali per lavoratori e le imprese e per ridurre i contributi sociali. Avete idea - ha chiesto Saccomanni ai cronisti - di quanti decreti firmo io insieme al ministro del Lavoro Giovannini per la cassa integrazione in deroga? Sono pacchi ogni giorno". Infine, alla domanda di un giornalista su un preteso rapporto della Commissione europea secondo cui "nei prossimi anni non staremo meglio" (in realtà l'ultimo "Rapporto trimestrale sull'Eurozona" di Bruxelles dice solo che, senza nuove riforme strutturali che ne aumentino la competitività, l'Ue crescerà meno degli Stati Uniti), il ministro ha risposto: "Sono asserzioni tipiche di chi non capisce l'inversione del ciclo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari