sabato 03 dicembre | 20:52
pubblicato il 30/ott/2013 12:00

Saccomanni: Deficit sotto 3% non basta, tendere a pareggio

Il peso del debito deve ridursi, è una priorità

Saccomanni: Deficit sotto 3% non basta, tendere a pareggio

Roma, 30 ott. (askanews) - "L'indebitamento netto deve restare entro la soglia del 3% del Pil, ma il rispetto di tale obiettivo non è sufficiente: il disavanzo strutturale deve tendere verso il pareggio; il peso del debito deve ridursi". Così il ministro dell'economia, Fabrizio Saccomanni, in audizione presso le commissioni riunite Bilancio e Affari sociali della Camera, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulla sfida della tutela della salute tra nuove esigenze del sistema sanitario e obiettivi di finanza pubblica. Per Saccomanni, il raggiungimento di questi risultati è "un interesse prioritario del nostro Paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari