mercoledì 07 dicembre | 15:53
pubblicato il 17/ott/2013 15:30

Russia: Gazprom, situazione attivisti Greenpeace non dipende da noi

Russia: Gazprom, situazione attivisti Greenpeace non dipende da noi

(ASCA) - Roma, 17 ott - La situazione dei 28 attivisti di Greenpeace detenuti in Russia dipende dalle autorita' nazionali e quindi Scaroni ''sta bussando alla porta sbagliata''. Gazprom risponde cosi' all'amministratore delegato dell'Eni Scaroni, che si e' rivolto alla societa' russa per sollecitare la liberazione degli attivisti arrestati.

''Scaroni sta bussando alla porta sbagliata - risponde il gigante del gas - Gazprom e' una societa' privata e come tale non ha ne' i mezzi ne' il diritto di influenzare il sistema legale russo. La situazione dei 28 attivisti di Greenpeace attualmente detenuti dipende dall'inchiesta in corso svolta delle autorita' russe''.

''Il gruppo Gazprom - prosegue la nota - prende molto sul serio la sicurezza ambientale in tutte le sue operazioni.

Solo nel 2012, la societa' ha investito 1 miliardo di dollari in politiche ambientali''.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni