lunedì 23 gennaio | 03:20
pubblicato il 17/ott/2013 15:30

Russia: Gazprom, situazione attivisti Greenpeace non dipende da noi

Russia: Gazprom, situazione attivisti Greenpeace non dipende da noi

(ASCA) - Roma, 17 ott - La situazione dei 28 attivisti di Greenpeace detenuti in Russia dipende dalle autorita' nazionali e quindi Scaroni ''sta bussando alla porta sbagliata''. Gazprom risponde cosi' all'amministratore delegato dell'Eni Scaroni, che si e' rivolto alla societa' russa per sollecitare la liberazione degli attivisti arrestati.

''Scaroni sta bussando alla porta sbagliata - risponde il gigante del gas - Gazprom e' una societa' privata e come tale non ha ne' i mezzi ne' il diritto di influenzare il sistema legale russo. La situazione dei 28 attivisti di Greenpeace attualmente detenuti dipende dall'inchiesta in corso svolta delle autorita' russe''.

''Il gruppo Gazprom - prosegue la nota - prende molto sul serio la sicurezza ambientale in tutte le sue operazioni.

Solo nel 2012, la societa' ha investito 1 miliardo di dollari in politiche ambientali''.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4