sabato 03 dicembre | 17:13
pubblicato il 16/set/2014 18:54

Russia, Cia: con embargo molte aziende agricole al collasso

"Subito moratoria mutui e rinvio scadenze contributive" (ASCA) - Roma, 16 set 2014 - Molte aziende agricole italiane sono "al collasso" per l'embargo deciso dalla Russia sulle importazioni europee. "La situazione e' grave - afferma il presidente della Confederazione italiana agricoltori, Dino Scanavino - molte nostre aziende agricole sono al collasso. Tra l'altro, il gioco delle triangolazioni rischia di infliggere un colpo letale alle nostre esportazioni. Serve un nuovo pacchetto di misure piu' efficaci: nell'immediato bisogna trovare fondi importanti per sostenere i produttori italiani". "Bisogna comprendere - spiega Scanavino in una nota - la portata del problema e trovare contromisure idonee. E questo al di la' delle perdite milionarie che stiamo subendo come settore, giorno dopo giorno. Infatti, il rischio e' che il danno diventi permanente, visto che si rischiano di perdere per sempre quelle quote di mercato che ora iniziano a occupare altri competitor.

Non credo nelle soluzioni con la bacchetta magica - aggiunge il presidente della Cia - ma auspico che istituzioni e politica non abbiano un atteggiamento miope verso questa situazione di crisi".

Glv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari