lunedì 20 febbraio | 13:11
pubblicato il 10/lug/2014 16:52

R&S/Mediobanca: crollo dei derivati in Europa e Usa tra 2011 e 2013

(ASCA) - Milano, 10 lug 2014 - Vero e proprio ''sboom'' degli strumenti finanziari derivati sia in Europa (-36%) che negli Usa (-39%) nel periodo 2011-2013. E' la fotografia che emerge dall'edizione 2014 dello studio R&S di Mediobanca) sulle principali banche internazionali (per l'Italia UniCredit e Intesa Sanpaolo), a testimonianza che le esorbitanti masse di derivati accumulatesi prima della crisi eccedevano di gran lunga le reali necessita' operative degli istituti di credito.

In Europa il loro multiplo sul patrimonio netto tangibile delle banche e' sceso da 6,8x del 2011 a 4,1x del 2013, negli Usa si e' dimezzato (da 8,5x a 4,3x).

In rapporto ell'economia, i derivati sono scesi in Europa dal 56% del Pil nel 2011 al 22% nel 2013, negli Usa dal 32% al 18%. Solo in Svizzera nel 2013 questi strumenti valgono piu' del Pil: ben il 141,2%, mentre l'Italia vanta il livello d'incidenza minore (6,2%).

bos/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia