domenica 11 dicembre | 03:26
pubblicato il 29/ago/2013 16:36

Robin Tax: Assopetroli, bene Governo, eliminati inutili controlli su Pmi

(ASCA) - Roma, 29 ago - ''Nel testo in bozza del Dl sul pubblico impiego, varato dal consiglio dei Ministri lo scorso 26 agosto, leggiamo con favore come siano stati finalmente eliminati almeno i controlli anti-traslazione della Robin Tax effettuati dall'Autorita' per l'Energia Elettrica e il Gas sulle piccole e medie aziende del settore energetico con un fatturato totale inferiore a circa 480 milioni di euro, che sono obbligate al pagamento della maggiorazione Ires del 10,5%, rispetto ad altre aziende operanti in altri settori produttivi non soggette a tale imposta che peraltro resta in attesa del pronunciamento di costituzionalita' da parte della Corte Costituzionale''. Lo afferma in una nota Franco Ferrari Aggradi, presidente di Assopetroli-Assoenergia, secondo cui ''escludere dai controlli le nostre imprese, che non possono ne' traslare l'imposta proprio per la loro natura commerciale ne' incidere sul prezzo della materia prima, e' una norma positiva e di buon senso che permette alle stesse di liberare le risorse umane ed economiche, sino ad oggi usate per gli onerosissimi adempimenti burocratici richiesti dall'Autorita' per l'Energia Elettrica ed il Gas, per destinarle allo sviluppo competitivo dell'impresa e per l'occupazione''.

''E' un risultato importante - prosegue Franco Ferrari Aggradi - che Assopetroli-Assoenergia attendeva da molto tempo e per il quale si e' fortemente spesa con le Istituzioni di riferimento. Dobbiamo quindi dare atto al Governo Letta e soprattutto al ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato, che lo aveva promesso, di aver mantenuto gli impegni''. ''Nell'esprimere quindi il nostro plauso al Governo per quanto fatto, - conclude il presidente - confidiamo pero' che si prosegua sulla buona strada della collaborazione intrapresa affinche' - conclude Ferrari Aggradi - nel prossimo decreto del Fare, di cui gia' si parla, lo stesso riveda l'articolo 5 comma 1 del dl Fare 1 che dispone, per reperire solo 75 milioni di euro annui, l'allargamento della platea di imprese soggette alla Robin Tax anche alle piccole e piccolissime imprese energetiche a partire dal gennaio del 2014, ponendo le stesse nella spiacevole condizione di operare la difficile scelta tra il pagare la tassa o il mantenere gli attuali livelli occupazionali''.

com-fch/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina