domenica 04 dicembre | 05:01
pubblicato il 17/giu/2016 10:01

Rivoluzione digitale e sistemi ibridi: la sfida di SisalPay

Santacroce: "Pagamenti tradizioni e on line. Siamo pronti"

Rivoluzione digitale e sistemi ibridi: la sfida di SisalPay

Roma, (askanews) - La rivoluzione digitale e i sistemi ibridi di consumo, fisico e online. Sono stati questi i temi al centro dell'annuale workshop promosso da SisalPay - il brand per i servizi di pagamento del Gruppo Sisal - intitolato "DigitalREvolution", che si è tenuto al Tempio di Adriano, a Roma.

SisalPay sostiene con forza l'introduzione di tecnologie in grado di semplificare le esperienze d'acquisto e la fruizione dei servizi, riducendone la complessità. Come spiega il direttore Payments&Services di Sisal Group, Maurizio Santacroce: "Il tema è abbastanza importante per il Paese nel senso che la digitalizzazione sicuramente è un percorso importante per la crescita e il rilancio del nostro Paese. Penso che le nostre caratteristiche ci portino a un processo di digitalizzazione che non è tanto rivoluzionario ma è evolutivo. Questa è l'area su cui stiamo investendo, molte aziende italiane stanno investendo e crediamo che sia una strada importante per accompagnare un processo di digitalizzazione, consentendo anche a chi non è un esperto digitale di fruire della digitalizzazione che, dal nostro punto di vista, deve essere visto come un percorso in cui la tecnologia semplifica la vita del consumatore e non la complica".

L'attuale evoluzione dei consumi evidenzia che i consumatori vogliono poter interagire, sempre più frequentemente, con imprese e Pubblica Amministrazione, attraverso un modello ibrido, fisico e online. In questo contesto, l'esperienza tangibile nei punti di vendita fisici e la fruibilità on line sono la chiave di volta per aumentare le occasioni di contatto e l'interazione con cittadini e clienti.

"Noi crediamo che l'ibrido digitale sia un perfetto esempio di come la digitalizzazione sia un percorso di accompagnamento evolutivo. Abbiamo affiancato su tutta la nostra rete la possibilità di pagare con moneta elettronica mantenendo i modelli di pagamento tradizionali. Quindi oggi un consumatore che va a gestire un pagamento nella nostra rete può utilizzare tanto il contante, come il bancomat o la carta di credito ma tutta la rete è già predisposta per accettare tutte le mobile application. Siamo pronti per i prossimi 5-10 anni a gestire questo percorso".

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari