domenica 04 dicembre | 05:47
pubblicato il 13/set/2013 12:00

Riva/ Camusso: da Governo rapida soluzione continuità produttiva

"A rischio retribuzioni lavoratori"

Riva/ Camusso: da Governo rapida soluzione continuità produttiva

Roma, 13 set. (askanews) - Tutelare nell'immediato il reddito attraverso la cassa integrazione, ma soprattutto scongiurare la chiusura definitiva delle attività. Per questo il Governo deve trovare molto rapidamente una soluzione che permetta la continuità aziendale. E' questa la posizione della Cgil, dopo la decisione del gruppo Riva Acciaio di cessare le attività e chiudere sette stabilimenti Ilva, mettendo a rischio circa 1.400 posti di lavoro. "Siamo di fronte a delle scelte che mettono in discussione la continuità di una produzione importante, che mettono a rischio i lavoratori, le loro retribuzioni e la loro prospettiva", ha detto il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, davanti allo stabilimento di Cerveno (Bs), una delle aziende del gruppo Riva chiuse dopo il sequestro preventivo disposto dal gip di Taranto. "Questa è la ragione - ha concluso - per cui insistiamo nel chiedere al Governo un provvedimento che, molto rapidamente, permetta la continuità produttiva di tutti gli stabilimenti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari