lunedì 23 gennaio | 18:07
pubblicato il 05/lug/2013 19:56

Ristrutturazioni edilizie: Ag. Entrate, nuovi minimi con ritenute 4%

(ASCA) - Roma, 5 lug - I contribuenti che rientrano nel cosiddetto ''regime di vantaggio per l'imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilita''' e hanno subito la ritenuta d'acconto all'atto dell'accredito sui bonifici per interventi di recupero del patrimonio edilizio e/o di risparmio energetico possono recuperarla direttamente nel modello Unico 2013. E' quanto stabilisce la risoluzione n.

47/E di oggi che individua i passi da seguire nella compilazione della dichiarazione. Lo rende noto, in un comunicato, l'agenzia delle entrate, precisando che per il periodo d'imposta 2012, infatti, in alternativa all'istanza di rimborso, questi contribuenti possono indicare nel frontespizio della dichiarazione il codice ''1'' nel campo ''Situazioni particolari'' (in corrispondenza del riquadro ''Firma della dichiarazione''). Le ritenute relative ai bonifici vanno poi riportate nel quadro RS, nella colonna 2 del rigo RS33, normalmente dedicato alle ritenute cedute da consorzi d'imprese. Bisogna fare attenzione a riportare le ritenute esclusivamente nel primo modulo del quadro RS e non deve essere compilata la colonna 1, dedicata al codice fiscale del consorzio. Solo nel caso in cui siano presenti anche ritenute cedute da consorzi, le stesse dovranno essere esposte nei successivi moduli, riportando, in tal caso, anche i codici fiscali dei consorzi cedenti. Le ritenute indicate nel rigo RS33 potranno, poi, essere normalmente scomputate nel quadro LM, al rigo LM13, ovvero nel quadro RN, al rigo RN32, colonna 4.

L'articolo 25, comma 1, del Dl n. 78/2010 ha introdotto, in capo alle banche e a Poste Italiane S.p.A., l'obbligo di operare una ritenuta a titolo di acconto, attualmente del 4%, all'atto dell'accredito dei pagamenti relativi ai bonifici disposti dai contribuenti per beneficiare di oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione d'imposta. Non devono essere assoggettati a questa ritenuta i contribuenti che rientrano nel ''regime di vantaggio'' che hanno rilasciato una apposita dichiarazione in tal senso alla banca o all'ufficio postale presso il quale risultano correntisti, cosi' come previsto dal provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 22 dicembre 2011.

Per questo motivo il nuovo quadro LM dedicato ai contribuenti in regime di vantaggio, presente nel modello Unico PF 2013, anno d'imposta 2012, non prevede un apposito campo in cui scomputare le ritenute subite. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4