sabato 10 dicembre | 00:29
pubblicato il 05/lug/2013 19:56

Ristrutturazioni edilizie: Ag. Entrate, nuovi minimi con ritenute 4%

(ASCA) - Roma, 5 lug - I contribuenti che rientrano nel cosiddetto ''regime di vantaggio per l'imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilita''' e hanno subito la ritenuta d'acconto all'atto dell'accredito sui bonifici per interventi di recupero del patrimonio edilizio e/o di risparmio energetico possono recuperarla direttamente nel modello Unico 2013. E' quanto stabilisce la risoluzione n.

47/E di oggi che individua i passi da seguire nella compilazione della dichiarazione. Lo rende noto, in un comunicato, l'agenzia delle entrate, precisando che per il periodo d'imposta 2012, infatti, in alternativa all'istanza di rimborso, questi contribuenti possono indicare nel frontespizio della dichiarazione il codice ''1'' nel campo ''Situazioni particolari'' (in corrispondenza del riquadro ''Firma della dichiarazione''). Le ritenute relative ai bonifici vanno poi riportate nel quadro RS, nella colonna 2 del rigo RS33, normalmente dedicato alle ritenute cedute da consorzi d'imprese. Bisogna fare attenzione a riportare le ritenute esclusivamente nel primo modulo del quadro RS e non deve essere compilata la colonna 1, dedicata al codice fiscale del consorzio. Solo nel caso in cui siano presenti anche ritenute cedute da consorzi, le stesse dovranno essere esposte nei successivi moduli, riportando, in tal caso, anche i codici fiscali dei consorzi cedenti. Le ritenute indicate nel rigo RS33 potranno, poi, essere normalmente scomputate nel quadro LM, al rigo LM13, ovvero nel quadro RN, al rigo RN32, colonna 4.

L'articolo 25, comma 1, del Dl n. 78/2010 ha introdotto, in capo alle banche e a Poste Italiane S.p.A., l'obbligo di operare una ritenuta a titolo di acconto, attualmente del 4%, all'atto dell'accredito dei pagamenti relativi ai bonifici disposti dai contribuenti per beneficiare di oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione d'imposta. Non devono essere assoggettati a questa ritenuta i contribuenti che rientrano nel ''regime di vantaggio'' che hanno rilasciato una apposita dichiarazione in tal senso alla banca o all'ufficio postale presso il quale risultano correntisti, cosi' come previsto dal provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 22 dicembre 2011.

Per questo motivo il nuovo quadro LM dedicato ai contribuenti in regime di vantaggio, presente nel modello Unico PF 2013, anno d'imposta 2012, non prevede un apposito campo in cui scomputare le ritenute subite. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina