sabato 10 dicembre | 22:10
pubblicato il 09/set/2015 13:22

Ripartono consumi a luglio, al top da 2010. Sangalli: giù tasse

"La ripresa c'è ma la prudenza è d'obbligo

Ripartono consumi a luglio, al top da 2010. Sangalli: giù tasse

Roma, 9 set. (askanews) - Le famiglie italiane hanno ripreso a spendere. A luglio i consumi, secondo i calcoli di Confcommercio, sono cresciuti dello 0,4% rispetto a giugno e del 2,1% su base annua, toccando il livello più alto degli ultimi cinque anni. Era dal marzo del 2010, infatti, che la spesa degli italiani non faceva registrare un incremento così significativo. Va al suo posto, così, un altro tassello, dopo la revisione al rialzo del Pil certificata dall'Istat, della ripresa economica in corso in Italia. Resta cauto, comunque, il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, che chiede a gran voce di abbassare le tasse su famiglie e imprese. Nei primi sei mesi del 2015, infatti, nonostante i segnali di miglioramento del clima economico, ben 35mila negozi hanno chiuso i battenti.

"I segni meno ormai sono archiviati. La ripresa c'è ma la prudenza è d'obbligo. Dopo molti anni di crisi - ha spiegato Sangalli - tornare a crescere è difficile, per questo il governo deve trasformare questa ripresa in una crescita robusta e duratura tagliando le tasse su imprese e famiglie a partire dalla cancellazione delle clausole di salvaguardia". Nei primi sei mesi dell'anno "già 35mila attività commerciali al dettaglio hanno chiuso. Non c'è più tempo da perdere. Bisogna aggredire la spesa pubblica improduttiva e abbassare le tasse già dal prossimo anno", ha aggiunto.

Tornando ai dati, dietro l'aumento su base annua dei consumi a luglio, c'è l'andamento positivo sia della domanda relativa ai beni (+2,3%), sia di quella per i servizi (+1,6%). Gli aumenti più significativi si sono riscontrati per i beni e servizi per la mobilità (+8,8%) e per i beni e i servizi per le comunicazioni (+5,1%), con risultati che rafforzano il dato positivo già registrato a giugno.

Più contenuto è stato l'incremento, su base annua, per i beni e i servizi per la casa (+2,1%), in controtendenza con l'andamento stagnante dei mesi precedenti. In moderato miglioramento è risultata anche la spesa per gli alberghi, i pasti e i consumi fuori casa (+2,0%) e per l'abbigliamento e le calzature (+0,8%).

Un dato positivo, ma di lieve entità, ha riguardato la domanda per i beni e i servizi per la cura della persona (+0,3%) e per i beni e i servizi ricreativi (+0,1%). L'unico segmento che evidenzia ancora una diminuzione su base annua è quello relativo alla spesa per gli alimentari, le bevande e i tabacchi (-0,2%).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina