domenica 04 dicembre | 19:40
pubblicato il 01/lug/2013 15:19

Riforme: Squinzi, settimana prossima incontro con presidenti Commissioni

(ASCA) - Milano, 1 lug - Settimana prossima sono in agenda una serie di incontri tra i vertici di Confindustria, i presidenti di Camera e Senato e i presidenti delle Commissioni parlamentari per fare il punto sulle riforme istituzionali. Lo ha annunciato lo stesso presidente della Confederazione di viale dell'Astronomia, Giorgio Squinzi, a margine di un convegno all'universita' Cattolica di Milano. ''Settimana prossima - ha detto Squinzi - incontreremo i presidenti di Camera e Senato e i presidenti delle Commissioni parlamentari per cominare qusta discussione''. Il presidente di Confindustria si e' detto ''sicuro'' della possibilita' di reperire risorse ''soprattutto nell'ambito del riassetto istituzionale dello Stato''. Accanto alle proposte di riduzione della spesa pubblica e'presentati dagli ecomnomisti Francesco Giavazzi e Pietro Giarda, ha ricordato il presidente di Confindustria, ''ci sono tante altre proposte, come quella dell'abolizione delle province. Secondo me tutto questo va visto allinterno di una riforma dell'architettura istituzioanle dello Stato''. Su questo, Squinzi ha chiarito: ''In generale penso che ci sia questa volonta' politica'', anche perche' ''le cose da fare sono tante, ma senza risorse non riusciamo a farne molte''.

fcz/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari