venerdì 09 dicembre | 06:49
pubblicato il 19/apr/2013 12:00

Rifiuti/ Ue, bocciato ricorso Italia,fondi per Campania bloccati

Tribunale europeo conferma decisione Commissione su 46,6 mln euro

Rifiuti/ Ue, bocciato ricorso Italia,fondi per Campania bloccati

Bruxelles, 19 apr. (askanews) - Il Tribunale di prima istanza dell'Ue, bocciando due ricorsi italiani, ha confermato oggi a Lussemburgo le decisioni della Commissione europea di bloccare il pagamento della quota comunitaria (46.634.365 euro) dei Fondi strutturali (Fesr) che erano stati destinati alla gestione e lo smaltimento dei rifiuti in Campania. Il blocco dell'esborso per tutte le domande di pagamento di questi finanziamenti presentate dopo il 17 maggio 2006 (data di entrata in vigore della direttiva Ue sui rifiuti) era stato decretato dalla Commissione nel 2008. Una decisione presa nel quadro di una procedura d'infrazione contro l'Italia, e approdata nel 2010 a una condanna della Corte di Giustizia, per non aver applicato le norme Ue al sistema di gestione e smaltimento dei rifiuti in Campania. La Corte aveva sentenziato che la mancata creazione di un sistema integrato e adeguato di smaltimento da parte delle autorità competenti aveva messo in pericolo la salute umana e l'ambiente. L'Italia aveva presentato due ricorsi contro la sospensione dei pagamenti, sostenendo che avrebbero dovuto essere bloccati solo i fondi relativi alle misure specificamente oggetto della procedura d'infrazione, e non tutti i progetti nel settore della gestione e smaltimento dei rifiuti. Il Tribunale ha bocciato queste motivazioni, affermando che esiste comunque un collegamento sufficiente fra la misura decisa dalla Commissione e l'oggetto della procedura d'infrazione. Sull'Italia (nonostante il netto miglioramento della raccolta differenziata a Napoli, che però non sembra sufficiente) pende da tempo la minaccia dalla Commissione europea di un secondo ricorso per non esecuzione della sentenza del 2010, che potrebbe portare a una seconda condanna della Corte, con pesantissime multe pecuniarie per il periodo pregresso e giornaliere per ogni giorno di permanenza in situazione d'infrazione. Contro la decisione del Tribunale può essere presentato appello, entro due mesi, alla Corte europea di Giustizia, limitatamente alle questioni di diritto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni