giovedì 19 gennaio | 18:32
pubblicato il 19/apr/2013 12:00

Rifiuti/ Ue, bocciato ricorso Italia,fondi per Campania bloccati

Tribunale europeo conferma decisione Commissione su 46,6 mln euro

Rifiuti/ Ue, bocciato ricorso Italia,fondi per Campania bloccati

Bruxelles, 19 apr. (askanews) - Il Tribunale di prima istanza dell'Ue, bocciando due ricorsi italiani, ha confermato oggi a Lussemburgo le decisioni della Commissione europea di bloccare il pagamento della quota comunitaria (46.634.365 euro) dei Fondi strutturali (Fesr) che erano stati destinati alla gestione e lo smaltimento dei rifiuti in Campania. Il blocco dell'esborso per tutte le domande di pagamento di questi finanziamenti presentate dopo il 17 maggio 2006 (data di entrata in vigore della direttiva Ue sui rifiuti) era stato decretato dalla Commissione nel 2008. Una decisione presa nel quadro di una procedura d'infrazione contro l'Italia, e approdata nel 2010 a una condanna della Corte di Giustizia, per non aver applicato le norme Ue al sistema di gestione e smaltimento dei rifiuti in Campania. La Corte aveva sentenziato che la mancata creazione di un sistema integrato e adeguato di smaltimento da parte delle autorità competenti aveva messo in pericolo la salute umana e l'ambiente. L'Italia aveva presentato due ricorsi contro la sospensione dei pagamenti, sostenendo che avrebbero dovuto essere bloccati solo i fondi relativi alle misure specificamente oggetto della procedura d'infrazione, e non tutti i progetti nel settore della gestione e smaltimento dei rifiuti. Il Tribunale ha bocciato queste motivazioni, affermando che esiste comunque un collegamento sufficiente fra la misura decisa dalla Commissione e l'oggetto della procedura d'infrazione. Sull'Italia (nonostante il netto miglioramento della raccolta differenziata a Napoli, che però non sembra sufficiente) pende da tempo la minaccia dalla Commissione europea di un secondo ricorso per non esecuzione della sentenza del 2010, che potrebbe portare a una seconda condanna della Corte, con pesantissime multe pecuniarie per il periodo pregresso e giornaliere per ogni giorno di permanenza in situazione d'infrazione. Contro la decisione del Tribunale può essere presentato appello, entro due mesi, alla Corte europea di Giustizia, limitatamente alle questioni di diritto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale