sabato 03 dicembre | 23:21
pubblicato il 28/gen/2014 16:12

Revisori Legali: Bassi (Ue), in marzo la riforma del settore in Europa

(ASCA) - Roma, 28 gen 2014 - La riforma della revisione legale europea verra' votata dal Parlamento Europeo entro il mese di marzo: lo ha annunciato il Direttore della Commissione UE per il Mercato Interno&Servizi Ugo Bassi, partecipando oggi a Milano al Consiglio Nazionale dell'Istituto Nazionale Revisori Legali (INRL).

''Si tratta di un testo rivoluzionario - ha sottolineato Bassi - non tanto per l'Italia che e' stato precursore delle novita' nell'attivita' di revisione, quanto per almeno altri 21 stati-membri dell'unione Europea. Secondo la nostra tabella di marcia entro marzo il Parlamento Europeo dovrebbe approvare il testo di riforma della revisione legale che prevede la rotazione degli incarichi, la possibile adozione della formula del doppio revisore che dovrebbe contrastare, senza atteggiamenti punitivi, l'attuale oligopolio detenuto dalle big four societa' di revisione che di fatto aprirebbe il mercato delle consulenze. Si e' dunque alla vigilia di una vera rivoluzione della revisione contabile, fortemente ispirata ai principi della terzieta' e della indipendenza, a garanzia di controlli contabili piu' trasparenti, a tutela sia della comunita' che delle stesse imprese''.

Sulla vicenda della equipollenza, Bassi e' stato molto chiaro ''e' un problema squisitamente italiano, per quanto ci riguarda vige la regola che quanto stabilito dall'UE in materia di esami, va rispettato da tutti gli stati-membri e da tutti i soggetti professionali; pertanto chi non ha svolto alcuni esami previsti dalla legislazione europea, dovra' sostenere esami integrativi, altrimenti non potra' svolgere la professione del revisore legale''.

E sull'attuale situazione legislativa italiana e' intervenuto Marcello Bessone, Coordinatore delle Commissioni MEF istituite per redigere i decreti attuativi del dlgs 39/2010 sulla nuova revisione legale italiana ''premesso che i testi sono stati redatti e condivisi dai rappresentanti ordinistici e delle associazioni professionali, consacrando cosi' l'autoregolamentazione, posso dire che gli ultimi decreti dovrebbero essere varati entro febbraio, assicurando cosi' la piena applicabilita' della legge gia' da quest'anno''.

Piena soddisfazione da parte del Presidente dell'INRL, Virgilio Baresi, che ha ribadito come ''la lungimiranza dell'INRL, che si e' sempre battuto per la terzieta' e l'indipendenza, e soprattutto per la piena aderenza con i dettami europei, trova conforto nei concetti ribaditi sia dal Direttore della Commissione Europea che dal coordinatore del MEF. Abbiamo sempre chiesto il rispetto della legge ed il pieno recepimento dei dettami UE ed oggi possiamo dire che la strada intrapresa e' quella giusta. Cosi' come siamo fiduciosi che la rappresentanza tributaria, il cui testo e' previsto in secondo lettura alla Camera, venga restituita di diritto ai revisori legali, completando cosi' il quadro delle nostre competenze professionali. Siamo a tutti gli effetti una delle poche libere professioni italo-europee che presto potranno garantire, soprattutto ai giovani, nuove opportunita' lavorative, garantendo nuovi equilibri socio-economici ai paesi membri dell'UE''.

com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari