sabato 03 dicembre | 06:18
pubblicato il 08/lug/2014 20:48

Rete Imprese: ok semplificazioni, no smantellamento Camere di Commercio

(ASCA) - Roma, 8 lug 2014 - ''Il decreto legge 90/2014 compie alcuni passi sulla strada della semplificazione amministrativa che finora e' stata costellata da molti annunci e pochi risultati. Tanto che, nell'ultimo anno, le imprese hanno speso in burocrazia 30,9 miliardi, equivalenti a 7.005 euro per ciascuna Pmi e pari a 2 punti di Pil. Nella classifica mondiale sulla facilita' di fare impresa, l'Italia e' al 23* posto tra i 28 Paesi dell'Ue e in 65* posizione tra i 189 Paesi del mondo''. E' il giudizio sul decreto legge semplificazioni espresso dai rappresentanti di Rete Imprese Italia durante un'Audizione svoltasi oggi presso la I Commissione Affari Costituzionali della Camera. Rete Imprese Italia apprezza, in particolare, la previsione di adottare moduli standard per gli adempimenti amministrativi. Positivo anche il giudizio sulle semplificazioni degli oneri formali imposti alle imprese per partecipare ad appalti pubblici, sulle misure per accelerare i giudizi amministrativi in materia di appalti pubblici e per contrastare l'abuso di processo. Apprezzati da Rete Imprese Italia anche gli interventi per rendere piu' veloci e deflazionare i procedimenti di giustizia civile, attraverso l'obbligo del deposito telematico degli atti processuali e l'istituzione dell'Ufficio per il processo. Tuttavia Rete Imprese Italia non condivide la riduzione di un terzo e in un colpo solo, a partire da gennaio 2015, dei bilanci delle Camere di commercio senza una loro contemporanea riforma organizzativa e funzionale annunciata dal Governo ma non ancora trasmessa al Parlamento. ''I diritti camerali che si vogliono tagliare - ricorda Rete Imprese Italia - non incidono direttamente sulla spesa pubblica, poiche' sono sostenuti interamente dalle imprese''.

''Siamo favorevoli alle politiche di efficientamento e razionalizzazione del sistema camerale, che riteniamo necessarie'', sottolinea Rete Imprese Italia. ''Deve essere pero' prima definita la funzione che dovranno svolgere le Camere di commercio, che hanno finora rappresentato uno strumento fondamentale per il sostegno e lo sviluppo delle economie locali''. com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari