domenica 04 dicembre | 01:07
pubblicato il 01/ago/2014 11:35

Resca (Confimprese): saldi non decollano, no benefici da 80 euro

Nelle ultime due settimane si e' avuto un piccolo recupero (ASCA) - Milano, 1 ago 2014 - Non sono serviti gli 80 euro in piu' in busta paga a sostenere i saldi di luglio, che, rispetto agli anni passati, sono partiti in sordina nelle prime due settimane e hanno leggermente recuperato nelle ultime due, in cui gli sconti sono arrivati al 70%. A dirlo e' Confimprese.

"Dopo aver soddisfatto i bisogni essenziali - ha spiegato il presidente Mario Resca - il 42% degli italiani oggi pensa a risparmiare. Tra le voci piu' colpite le spese per l'abbigliamento e gli acquisti di largo consumo. Per ora chi ha ricevuto il bonus di 80 euro ha pensato di utilizzarlo per il risparmio ed eventualmente per pagare le scadenze fiscali". "I saldi sono partiti a rilento nelle prime due settimane anche per le percentuali di sconto fissate al 30%, cosa che ha fatto perdere battute di cassa, ma recuperare circa 3-4 punti di marginalita' - ha spiegato Resca - Nelle ultime due settimane si e' avuto un piccolo recupero di circa due punti percentuali su luglio 2013. Nulla, pero', che faccia presagire un'inversione di tendenza o un miglioramento delle vendite nel mese di agosto: i portafogli rimarranno cuciti". (segue) Red-Rar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari