venerdì 09 dicembre | 05:30
pubblicato il 11/lug/2013 12:00

Rcs/ Nè Fiat nè Della Valle hanno comprato diritti asta inoptato

Lo si apprende da fonti finanziarie

Rcs/ Nè Fiat nè Della Valle hanno comprato diritti asta inoptato

Milano, 11 lug. (askanews) - Nè Diego Della Valle nè il gruppo Fiat hanno comprato diritti nell'asta sull'inoptato di Rcs, che si è chiusa oggi in anticipo. E' quanto si apprende da fonti vicino al dossier. Il gruppo torinese ha già comprato nel normale periodo di offerta diritti di opzione che lo porteranno, a aumento concluso, a divenire il primo azionista di Rcs con il 20,1% del capitale. Il patron della Tod's non ha così ulteriormente incrementato la propria quota, che resta all'8,7% circa. Questa mattina, nel corso dell'asta sull'inoptato partita ieri, sono stati collocati 15 milioni di diritti per la sottoscrizione di azioni ordinarie, equivalenti a circa 45 milioni di titoli, pari all'11% del capitale del gruppo editoriale post-aumento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni