domenica 11 dicembre | 03:11
pubblicato il 21/feb/2013 19:50

Rcs: Fnsi, si' a trattativa ma stop a dismissioni e piano industriale

(ASCA) - Roma, 21 feb - ''Disponibilita' a trattare con l'azienda un piano di rilancio, che preveda risparmi, tagli agli sprechi e soprattutto l'inserimento pieno nell'informazione digitale, che dovra' affiancare e integrare quella su carta. Chiedono dunque, prima di avviare trattative con l'azienda, la presentazione di un piano industriale ed editoriale, con l'indicazione preliminare e chiara della ricapitalizzazione a carico degli azionisti, che negli anni si sono distribuiti lauti dividendi, e delle condizioni di rinegoziazione del debito. Chiedono di non proseguire sul fronte delle dismissioni e ritengono non discutibile un progetto che voglia soltanto stravolgere l'assetto delle testate e distruggere patrimoni accumulati negli anni''. Queste le indicazioni emerse dall'incontro tra la Segreteria della Fnsi ed i comitati di redazione ed i fiduciari delle testate tenutosi questa mattina a Milano e dedicato all'esame del piano di ristrutturazione del gruppo.

''Il segretario Fnsi Franco Siddi e gli altri membri della segreteria e i rappresentanti sindacali dei quotidiani e dei periodici Rcs - informa una nota - hanno convenuto sui seguenti punti: 1) la difficile situazione economica dell'azienda Rcs e' dovuta alla crisi mondiale del settore, ma in primo luogo a scelte sbagliate del management, come l'acquisto a prezzi fuori mercato dell'azienda spagnola Recoletos, nell'anno 2007, causa principale dell'attuale elevato indebitamento. 2) Il piano di tagli radicali e' tutto concentrato sugli aspetti finanziari del problema e appare rivolto a trovare consenso presso banche e mercati piuttosto che allo sviluppo dell'azienda. 3) in questi anni l'azienda non ha investito sul futuro, non si e' preoccupata di trasformare la piu' grande azienda editoriale del Paese alla luce delle possibilita' offerte dai nuovi mezzi digitali.

Emblematiche le storie di quattro iniziative di prodotti informativi per iPad avviate al Corriere della Sera, a ''Max'', a ''Bravacasa'' e ad ''A'' sono state chiuse dopo poco tempo, l'una per gli scadenti risultati, le altre inopinatamente''.

com/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina