lunedì 23 gennaio | 12:10
pubblicato il 21/feb/2013 19:50

Rcs: Fnsi, si' a trattativa ma stop a dismissioni e piano industriale

(ASCA) - Roma, 21 feb - ''Disponibilita' a trattare con l'azienda un piano di rilancio, che preveda risparmi, tagli agli sprechi e soprattutto l'inserimento pieno nell'informazione digitale, che dovra' affiancare e integrare quella su carta. Chiedono dunque, prima di avviare trattative con l'azienda, la presentazione di un piano industriale ed editoriale, con l'indicazione preliminare e chiara della ricapitalizzazione a carico degli azionisti, che negli anni si sono distribuiti lauti dividendi, e delle condizioni di rinegoziazione del debito. Chiedono di non proseguire sul fronte delle dismissioni e ritengono non discutibile un progetto che voglia soltanto stravolgere l'assetto delle testate e distruggere patrimoni accumulati negli anni''. Queste le indicazioni emerse dall'incontro tra la Segreteria della Fnsi ed i comitati di redazione ed i fiduciari delle testate tenutosi questa mattina a Milano e dedicato all'esame del piano di ristrutturazione del gruppo.

''Il segretario Fnsi Franco Siddi e gli altri membri della segreteria e i rappresentanti sindacali dei quotidiani e dei periodici Rcs - informa una nota - hanno convenuto sui seguenti punti: 1) la difficile situazione economica dell'azienda Rcs e' dovuta alla crisi mondiale del settore, ma in primo luogo a scelte sbagliate del management, come l'acquisto a prezzi fuori mercato dell'azienda spagnola Recoletos, nell'anno 2007, causa principale dell'attuale elevato indebitamento. 2) Il piano di tagli radicali e' tutto concentrato sugli aspetti finanziari del problema e appare rivolto a trovare consenso presso banche e mercati piuttosto che allo sviluppo dell'azienda. 3) in questi anni l'azienda non ha investito sul futuro, non si e' preoccupata di trasformare la piu' grande azienda editoriale del Paese alla luce delle possibilita' offerte dai nuovi mezzi digitali.

Emblematiche le storie di quattro iniziative di prodotti informativi per iPad avviate al Corriere della Sera, a ''Max'', a ''Bravacasa'' e ad ''A'' sono state chiuse dopo poco tempo, l'una per gli scadenti risultati, le altre inopinatamente''.

com/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4