venerdì 20 gennaio | 17:06
pubblicato il 15/apr/2013 10:01

Rcs: da cda si' a piano rilancio, in polemica Merloni si dimette

(ASCA) - Milano, 15 apr - Via libera al piano di rilancio di Rcs messo a punto dall'amministratore delegato Pietro Scott Jovane. Il consiglio di amministrazione del gruppo che edita il Corriere della Sera si e' riunito nel pomeriggio di ieri e dopo una riunione di oltre 5 ore ha approvato il nuovo piano finanziario che prevede l'aumento di capitale da 400 milioni di euro (piu' altri 200 facoltativi da realizzare entro il 2015) e il piano di rifinanziamento del debito per 575 milioni. Il piano di rilancio si e' reso necessario per un gruppo che ha archiviato il 2012 facendo registrare perdite nette per 509,3 milioni (un rosso peggiore rispetto ai -322 milioni del 2011). Ma non tutti i soci sono d'accordo: Paolo Merloni si e' dimesso dall'incarico in aperta polemica con le linee guida di un piano di rilancio a suo giudizio troppo favorevole per le banche (sul fronte della rinegoziazione del debito) e troppo punitivo per gli azionisti (sul fronte della ricapitalizzazione). E ai lavori del consiglio di amministrazione non hanno partecipato neppure il vice presidente Giuseppe Rotelli, primo socio con il 16,5% del capitale fuori dal patto, e Carlo Pesenti, espressione di Italmobiliare con una quota del 7,4% conferita al patto si sindacato. Andrea Bonomi ha invece abbandonato i lavori per conflitto di interessi dovuto al suo ruolo di presidente di Bpm, una delle banche creditrici di Rcs, in un consiglio dedicato, tra l'altro, alla questione della rinegoziazione del debito. L'aumento di capitale dovrebbe essere sottoscritto da sette soci del patto, pronti a 'fare la propria parte': Mediobanca, Fiat, Fonsai, Pirelli, Intesa, Mittel ed Edison.

No, invece, da Generali, Meroli, Sinpar e Bertazzoni. E l'aumento potrebbe invece essere bocciato anche dai grandi soci fuori dal patto (Rotelli, Della Valle e Benetton) che hanno espresso i dubbi maggiori sull'operazione. Il paracadute, in questo caso, sara' rappresentato da un consorzio di banche costituito ad hoc (Intesa Sanpaolo, Ubi, Bnl, Mediobanca e Bpm si sono gia fatte avanti) per coprire l'eventuale inoptato fino a un massimo di 166 milioni. Il piano di rilancio dovra' incassare il via libera da un'assemblea straordinaria che sara' convocata dal consiglio di amministrazione gia' in calendario per il 28 aprile.

fcz/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"