mercoledì 22 febbraio | 16:52
pubblicato il 18/dic/2013 16:44

Rc Auto: Pitruzzella, con subclassi di rischio compagnie eludono regole

Rc Auto: Pitruzzella, con subclassi di rischio compagnie eludono regole

(ASCA) - Roma, 18 dic - Nel settore della Rc Auto a un cliente che cambia compagnia assicurativa dovrebbe essere assegnata la medesima classe di rischio che aveva presso la precedente compagnia. Cosa che spesso non accade a causa dell'introduzione delle sub-classi di rischio introdotte dalle compagnie.

''Il problema e' che le classi sono state divise dalle compagnie in sub-classi. Potremmo parlare di una sorta di abuso di diritto, di elusione di regole, si potrebbe intervenire legislativamente'', questo il suggerimento presidente dell'Antitrust, Giovanni Pitruzzella, nella sua audizione presso la Commissione Finanze della Camera, alla luce della bozza di Dl del governo sulla responsabilita' civile. Sul tema delle classi d rischio, ''una alternativa piu' radicale potrebbe comportare il superamento delle attuali classi di merito. Al fine di dare corretti incentivi per evitare ''moral hazard'' e agevolare la mobilita' (solo il 15% degli assicurati ogni anno decide di cambiare compagnia, Ndr), si potrebbe prevedere, ad esempio, l'adozione di profili definiti semplificati in base alla sinistrosita' dell'assicurato su uno specifico arco temporale, all'eta' e alle altre piu' rilevanti caratteristiche dell'assicurato'', ha spiegato Pitruzzella.

Il numero uno dell'Antitrust ha ricordato come il provvedimento abbia lo scopo di aumentare l'efficienza del settore e ridurre gli oneri in capo ai consumatori.

''Nel confronto con gli altri Paesi Europei, l'Italia e' ancora perdente e lontana dalle realta' economiche assicurative piu' virtuose. I premi in Italia sono, infatti, in media piu' elevati e crescono piu' velocemente rispetto a quelli dei principali paesi europei. In particolare considerando l'arco temporale 2000-2010, la crescita media per i prezzi dell'assicurazione dei mezzi di trasporto in Italia, pari al 4,6% annuo, e' piu' che doppia rispetto a quella registrata nella zona Euro'', ha spiegato Pitruzzella.

Sulla figura dell'agente plurimandatario, cioe' di colui che vende prodotti di diverse compagnie, ''va deciso se deve essere un obbligo di legge o meno, a mio avviso mi sembrerebbe meglio un approccio elastico e non troppo rigido.

Sarebbe invece preoccupante se le compagnie dovessero impedire all'agente di prendere il plurimandato'', ha spiegato Pitruzzella.

Per quanto riguarda la scelta a favore della carrozzerie convenzionate nella riparazione dei danni, questo approccio potrebbe ''favorire l'efficienza e ridurre i costi'' non a scapito della qualita', ha spiegato Pitruzzella, ricordando poi, che come principio generale, si debba comunque continuare nel contrasto e nella repressione delle frodi.

Difficile invece immaginare un scenario regolato dai cosidetti costi standard, ''quando si definisce un livello di prezzi e di costi, spesso l'effetto puo' essere indesiderato da un punto di vista concorrenziale traducendosi in accordi di cartello, dove i costi potrebbero salire invece che scendere'', ha sottolineato il numero uno dell'Antitrust.

Stesse perplessita' su un sistema di regolazione delle tariffe che rischierebbe ''di imbrigliare il settore. Ci lamentiamo che non arrivano nuovi operatori, una regolazione potrebbe essere scoraggiante l'ingresso nel mercato di nuove compagnie''. Non funzionerebbe, a detta dell'Autority, nemmeno mettere un obbligo per le compagnie di presentare offerte su tutto il territorio nazionale, ''non e' detto che i nuovi player abbiano la forza di operare su tutto il tettitorio nazionale.

Questa soluzione, pur animata da nobili intenzioni, puo' creare una barriera all'ingresso nel mercato'' favorendone la stessa concentrazione.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe