domenica 04 dicembre | 13:58
pubblicato il 07/mag/2014 16:31

Rc Auto: Ivass, 18enni pagano di piu'. Specialmente al centro-sud

(ASCA) - Roma, 7 mag 2014 - Sulle tariffe della Rc Auto, i diciottenni pagano molto di piui'' in quanto si trovano in classi di rischio piu elevate. Dai dati dell'indagine Ivass che copre i dodici mesi a partire dal 1 gennaio del 2013 emerge un quadro nazionale poco uniforme. ''Ad esempio, un assicurato diciottenne con autovettura di 1.300 cc in classe B/M d'ingresso (CU 14), ha visto, negli ultimi dodici mesi, la propria tariffa media aumentare di circa il 2% a Potenza e Campobasso, province che gia' in precedenza avevano fatto registrare aumenti tra i piu' cospicui e che hanno cosi' raggiunto valori, rispettivamente, pari a 2.387 e 2.193 euro. Questa tipologia di assicurati, nonostante le riduzioni del 3-4% intervenute nell'ultimo anno, presenta tariffe mediamente ancor piu' elevate a Napoli (3.510 euro), Bari (3.243 euro), Reggio Calabria (3.239e euro) e Roma (3.137 euro): quest'ultima e' anche in leggero aumento rispetto all'anno precedente. Queste tariffe risultano pari a circa il doppio di quanto l'assicurato diciottenne pagherebbe in alcune citta' dell'Italia settentrionale'', spiega l'indagine. Le tariffe piu' basse a Bolzano 1.796 euro, le piu' alte a Napoli con 3.510 euro.

men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari