mercoledì 25 gennaio | 00:35
pubblicato il 13/nov/2015 15:07

Rallenta la crescita. Pil III trimestre a +0,2%, sotto attese

Frena Eurozona. Per governo Pil 2015 a +0,9%, ma analisti cauti

Rallenta la crescita. Pil III trimestre a +0,2%, sotto attese

Roma, 13 nov. (askanews) - Rallenta la crescita economica in Italia. Nel terzo trimestre dell'anno il Pil è aumentato dello 0,2%, dopo essere cresciuto dello 0,3% nel secondo e dello 0,4% nel primo trimestre. La stima preliminare diffusa dall'Istat è inferiore alle attese degli analisti e dello stesso Istituto di statistica che indicavano un Pil in crescita dello 0,3% nel periodo luglio-settembre. A rallentare è tutta l'area euro con un Pil in aumento dello 0,3%, inferiore alle attese medie degli analisti. In frenata le economie di Germania, Italia e Spagna, solo parzialmente controbilanciate da una accelerazione della Francia.

In Italia "è diminuita l'accelerazione - hanno spiegato i tecnici dell'Istat - ma il dato è comunque positivo. Bisogna tener conto che si tratta di una stima preliminare e che tra quindici giorni avremo nuove informazioni e più elementi". Positivo l'incremento su base annua, pari a +0,9%: è il dato più alto dal secondo trimestre del 2011, ossia da oltre quattro anni.

Resta ferma a +0,6% la crescita acquisita del Pil per il 2015. Per raggiungere il +0,9%, fissato dal governo per quest'anno, occorre dunque un'accelerazione nell'ultimo trimestre. Il terzo trimestre del 2015 ha avuto quattro giornate lavorative in più del trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al terzo trimestre del 2014.

A frenare la crescita è stato il contributo "negativo della componente estera netta" mentre positivo è stato l'apporto della componente nazionale.

Alla luce della "sorpresa negativa" del terzo trimestre gli analisti si mostrano prudenti. Il Senior economist direzione centrale studi e ricerche di Intesa Sanpaolo, Paolo Mameli, ritiene possibile una accelerazione dell'attività economica negli ultimi tre mesi dell'anno (+0,4%). Ma a meno di una revisione sui dati del trimestre estivo, il Pil dovrebbe crescere dello 0,8% nel 2015 e, quindi, è "molto difficile che possa essere raggiunto il target che il governo ha inserito nei recenti documenti di finanza pubblica (0,9%)".

In linea il Managing Director di Nomisma, Andrea Goldstein: "per centrare l'obiettivo annuo del governo (+0,9%) la crescita congiunturale dovrà tornare a crescere in questo ultimo trimestre". Insomma, secondo l'economista, "le vendite di Natale andranno seguite con particolare attenzione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Generali, il mercato scommette sulla scalata di Intesa Sanpaolo
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4