domenica 11 dicembre | 07:46
pubblicato il 18/feb/2014 13:21

Pubblicita': Nielsen, a dicembre calo frena a -4%. Nel 2013 -12,3%

(ASCA) - Roma, 18 feb 2014 - Il mercato degli investimenti pubblicitari a dicembre 2013 chiude a -4% rispetto allo stesso periodo del 2012, facendo registrare la miglior performance considerando il singolo mese. Relativamente all'orizzonte annuo, il gap si riduce del -12,3% (come da piu' parti previsto), pari a poco piu' di 896 milioni di euro in meno rispetto al 2012. Nel secondo semestre il calo scende a -6,3%, a fronte del -17% per i primi sei mesi. Sono i numeri diffusi da Nielsen.

''Il 2013 ha confermato il periodo di turbolenza della comunicazione aziendale e allo stesso tempo anticipa un 2014 di transizione, condizionato dalla compensazione costante di elementi frenanti con altri piu' stimolanti: da un lato l'incertezza politica, l'immobilismo del PIL e, piu' nello specifico del mercato, la frammentazione dei media e la maggiore elasticita' al prezzo. Dall'altro, l'ascesa della Borsa italiana nel 2013, unita agli eventi sportivi del 2014 e all'avvicinarsi di Expo'', spiega Alberto Dal Sasso, Advertising Information Services Business Director di Nielsen. Tra i mezzi, la TV conferma il decremento con a una riduzione del -10% per il 2013, inferiore al totale mercato.

Continua il momento di grande difficolta' strutturale per la Stampa, ferma a -21,2%. Radio e Direct Mail chiudono l'anno rispettivamente a -9,3% e -13%. Complessivamente, gli altri mezzi calano del -8,4%.

Dal punto di vista delle quote di mercato, la TV si conferma anche come il mezzo che attira i maggiori investimenti, coprendo il 50% della ''torta''. Stampa e Internet si attestano rispettivamente al 20% e al 17% (stima sul valore complessivo del web, comprendente anche il search e i social non rilevati puntualmente da Nielsen). Radio e Direct Mail assorbono a testa il 5%, mentre gli altri mezzi si dividono il 3% del mercato.

Per quanto riguarda i settori merceologici, nel 2013 si registra complessivamente una situazione negativa, con i primi tre comparti del mercato rispettivamente a -14,7% (Alimentari), -19,3% (Automotive) e -10,3% (TLC). ''I dati relativi alla seconda parte dell'anno ci consentono di pensare che la parte peggiore della crisi possa essere alle spalle, seppur il mercato rimanga ancora in terreno negativo. Le nostre stime mostrano un 2014 vicino alla parita', con la lancetta degli investimenti che dovrebbe tendere verso il segno positivo'' ha concluso Dal Sasso. com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina