giovedì 23 febbraio | 10:38
pubblicato il 24/gen/2014 13:02

Prometeia: piu' credito a imprese per uscire da crisi

Prometeia: piu' credito a imprese per uscire da crisi

(ASCA) - Roma, 24 gen 2014 - Per l'economia italiana non sara' sufficiente la ripresa internazionale a garantire a l'uscita dalla recessione ma ''servira' anche la riduzione della frammentazione finanziaria e la possibilita' che la liquidita', mantenuta abbondante dalla politica monetaria espansiva, affluisca veramente alle imprese italiane''. Cosi' il Rapporto di Previsione Prometeia 2014-2016 presentato questa mattina a Bologna. E' ancora presto per trarre conclusioni sugli effetti dell'iniezione di liquidita' apportata dal pagamento degli arretrati delle amministrazioni pubbliche, si legge nel Rapporto, ma i primi risultati segnalano che ''questi fondi sono andati a ridurre l'indebitamento delle imprese piuttosto che a finanziare gli investimenti''. Per Prometeia inoltre '' l'aumento di liquidita' si deve tradurre in maggiore credito bancario per le imprese''.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech