domenica 04 dicembre | 13:59
pubblicato il 11/nov/2013 15:21

Produzione industriale: risalita a piccoli passi. Csc, +0,3% a ottobre

Produzione industriale: risalita a piccoli passi. Csc, +0,3% a ottobre

(ASCA) - Roma, 11 nov - Il Centro studi di Confindustria stima un incremento della produzione industriale dello 0,3% in ottobre su settembre, mentre si attesta a -25% la distanza dal picco di attivita' pre-crisi (aprile 2008). Nel terzo trimestre del 2013 si e' avuta una contrazione della produzione dell'1,0% sul precedente (-0,9%% nel secondo trimestre sul primo). Con la stima Csc di ottobre si registra nel quarto una variazione acquisita di +0,5% (+0,2% ereditato dal terzo). Gli indicatori anticipatori, spiegano gli industriali, sono coerenti con ulteriori marginali progressi dell'attivita' nei mesi autunnali.

Secondo i direttori degli acquisti (indagine Markit), sono migliorati gli ordini ricevuti dalle imprese industriali: l'indice della relativa componente del Pmi manifatturiero per l'Italia si e' attestato in ottobre al di sopra della soglia neutrale di 50 (50,3 da 50,5). La componente riferita agli ordini esteri rappresenta il dato piu' positivo: 55,5, stabile su settembre e in area di espansione per il decimo mese consecutivo grazie agli aumenti delle commesse dai paesi al di fuori dell'Unione Europea. com-sen/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari