venerdì 20 gennaio | 19:29
pubblicato il 10/giu/2013 15:57

Produzione industriale: Cisl, servono stimoli a domanda e taglio tasse

(ASCA) - Roma, 10 giu - ''Il dato ancora negativo ad aprile sulla produzione industriale, per quanto in se' non drammatico, conferma invece una linea tendenziale di caduta che sembra inarrestabile. Rispetto ad aprile scorso l'indice ha perso oltre quattro punti, che diventano oltre dodici se si parte dal livello di aprile 2011. E' questo l'effetto di una dose di austerita' eccessiva inflitta ad un'economia gia' in recessione, come ha riconosciuto anche il Fondo Monetario Internazionale''. E' quanto afferma in una nota il Segretario confederale della Cisl Luigi Sbarra, commentando i dati diffusi oggi dall'Istat, che indicano come la produzione industriale sia calata in Italia su base annua per il ventesimo mese consecutivo: ad aprile 2013 e' diminuita dello 0,3% rispetto a marzo e del 4,6% rispetto ad aprile 2012. ''La sofferenza che pervade l'industria e l'intero sistema economico - ha proseguito Sbarra - e' evidente nel calo produttivo tendenziale dei beni di consumo (-5,8%), dei beni strumentali ed intermedi (-4,5%), nella riduzione su base trimestrale dell'export (-1,9%) e del PIL (-0,6%). Siamo in una fase in cui la crisi produttiva minaccia di trasformarsi in aperta crisi sociale - sottolinea- con la perdita strutturale di aree ampie della base produttiva e dell'occupazione. Occorre reagire subito, perche' la relativa tregua sul fronte dello spread non e' un dato acquisito per sempre''. ''Il confronto con l'Unione Europea per far ripartire rapidamente gli investimenti infrastrutturali e' una condizione di grande importanza, ma non sufficiente.

Occorrono - conclude Sbarra - anche stimoli alla domanda interna, una riduzione della pressione fiscale su lavoratori e imprese, un reindirizzo delle risorse nazionali dall'area degli sprechi e dell'evasione a impieghi produttivi. L'azione del governo in carica deve anche, con un orizzonte chiaro e provvedimenti incisivi, restituire fiducia alle imprese, ormai provate da cinque anni durissimi, nel segno della crisi e delle ristrutturazioni''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4