martedì 28 febbraio | 13:57
pubblicato il 10/giu/2013 15:57

Produzione industriale: Cisl, servono stimoli a domanda e taglio tasse

(ASCA) - Roma, 10 giu - ''Il dato ancora negativo ad aprile sulla produzione industriale, per quanto in se' non drammatico, conferma invece una linea tendenziale di caduta che sembra inarrestabile. Rispetto ad aprile scorso l'indice ha perso oltre quattro punti, che diventano oltre dodici se si parte dal livello di aprile 2011. E' questo l'effetto di una dose di austerita' eccessiva inflitta ad un'economia gia' in recessione, come ha riconosciuto anche il Fondo Monetario Internazionale''. E' quanto afferma in una nota il Segretario confederale della Cisl Luigi Sbarra, commentando i dati diffusi oggi dall'Istat, che indicano come la produzione industriale sia calata in Italia su base annua per il ventesimo mese consecutivo: ad aprile 2013 e' diminuita dello 0,3% rispetto a marzo e del 4,6% rispetto ad aprile 2012. ''La sofferenza che pervade l'industria e l'intero sistema economico - ha proseguito Sbarra - e' evidente nel calo produttivo tendenziale dei beni di consumo (-5,8%), dei beni strumentali ed intermedi (-4,5%), nella riduzione su base trimestrale dell'export (-1,9%) e del PIL (-0,6%). Siamo in una fase in cui la crisi produttiva minaccia di trasformarsi in aperta crisi sociale - sottolinea- con la perdita strutturale di aree ampie della base produttiva e dell'occupazione. Occorre reagire subito, perche' la relativa tregua sul fronte dello spread non e' un dato acquisito per sempre''. ''Il confronto con l'Unione Europea per far ripartire rapidamente gli investimenti infrastrutturali e' una condizione di grande importanza, ma non sufficiente.

Occorrono - conclude Sbarra - anche stimoli alla domanda interna, una riduzione della pressione fiscale su lavoratori e imprese, un reindirizzo delle risorse nazionali dall'area degli sprechi e dell'evasione a impieghi produttivi. L'azione del governo in carica deve anche, con un orizzonte chiaro e provvedimenti incisivi, restituire fiducia alle imprese, ormai provate da cinque anni durissimi, nel segno della crisi e delle ristrutturazioni''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Piaggio
Piaggio accelera: nel 2016 utile sale a 14 milioni (+18,3%)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech