giovedì 19 gennaio | 22:41
pubblicato il 14/gen/2013 15:19

Produzione industriale: Cisl, punto partenza e' rilancio costruzioni

(ASCA) - Roma, 14 gen - ''Novembre e' stato ancora un mese negativo per l'industria italiana, con un livello produttivo che ormai ha bruciato tutti i passi in avanti del ciclo di ripresa precedente. Su cio' influisce anche la recessione dell'area europea, in cui tuttavia a novembre e' cresciuta, sia pur di poco, la produzione in Francia, Germania e Regno Unito. La Spagna, al contrario, e' nelle stesse condizioni nettamente recessive dell'Italia, a testimonianza che il riequilibrio economico dei conti pubblici senza politiche di crescita ha effetti devastanti sul sistema industriale''. Lo ha dichiarato Luigi Sbarra, Segretario Confederale della Cisl, commentando i dati Istat relativi alla produzione industriale di Novembre che vede un calo dell'1,0% rispetto ad ottobre, e del 6,6% nei primi undici mesi del 2012, rispetto allo stesso periodo del 2011. ''Sono in recessione - ha proseguito Sbarra - oltre i settori connessi con la domanda interna di consumi ed investimenti, anche le produzioni con maggior capacita' di esportazione, che avevano dato un contributo importantissimo alla ripresa precedente. In questa situazione sono in aumento i casi di crisi e difficolta' delle aziende, come prova il forte aumento della richiesta di cassa integrazione''. Per Sbarra ''la situazione industriale mostra segnali di grande tensione produttiva e sociale, che il nuovo governo dovra' affrontare con grande determinazione. Il punto di partenza, non piu' differibile, e' il rilancio del settore delle costruzioni, la cui profonda crisi e' una causa determinante dei bassi livelli di produzione attuale. In particolare l'attenzione va posta sulle infrastrutture necessarie alla crescita e sulla riqualificazione del patrimonio abitativo pubblico e privato''. ''Accanto a nuove politiche industriali nel segno dell'innovazione - ha concluso Sbarra - la gestione di questa difficilissima fase dovra' tenere conto anche del numero crescente di aziende in crisi e ristrutturazione, che non rappresentano un trascurabile incidente di percorso, ma la possibile scomparsa di importanti settori e produzioni dalla nostra struttura industriale''. Secondo il sindacalista ''occorrono strumenti nuovi e piu' efficaci d'intervento, in grado di coinvolgere capitali privati nazionali ed esteri e soprattutto di ricondurre ad unitarieta' il governo delle risorse di provenienza nazionale, europea, regionale e locale, su obiettivi condivisi e con una governance interistituzionale aperta al contributo delle parti sociali''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale