martedì 17 gennaio | 10:05
pubblicato il 13/gen/2014 16:10

Prod. Industriale: Sbarra (Cisl), prematuro parlare di ripresa

Prod. Industriale: Sbarra (Cisl), prematuro parlare di ripresa

(ASCA) - Roma, 13 gen 2014 - ''Il nuovo dato di tendenza sulla produzione industriale mostra che, pur con la fase di recessione piu' pesante alle spalle, e' ancora prematuro parlare di ripresa''. E' quanto sostiene in una nota il segretario confederale della Cisl Luigi Sbarra, commentando i dati Istat di oggi sulla produzione industriale che registrano un aumento dello 0,3% sul mese di ottobre e dello 0,4% rispetto al trimestre precedente. ''Se negli ultimi tre mesi ci sono stati piccoli segnali positivi - sottolinea Sbarra - nella media dei primi undici mesi del 2013 la produzione e' scesa del 3,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente e fra il 2012 e il 2013 sono scomparsi circa 8 punti di produzione rispetto al 2010''. ''Il lieve miglioramento e' poi distribuito in maniera ineguale fra i vari settori - prosegue Sbarra - e anche a novembre i comparti connessi ai beni di consumo, come l'alimentare e il tessile, sono ancora in recessione aperta (-1,1%). Oggi l'industria e' stretta fra processi di ristrutturazione, a cavallo fra il ridimensionamento dei volumi produttivi e il miglioramento dei prodotti, fra la caduta della domanda interna e la ricerca di nuovi mercati esteri. L'elenco delle aziende in difficolta' manifesta, fra cui molte imprese storiche e settori strategici come la siderurgia,continua ad allungarsi''. ''Il punto- conclude - e' che, nonostante l'importanza dell'industria per il futuro del sistema Italia, una politica industriale efficace non e' stata fatta negli anni della crisi e ancora stenta ad avere un profilo operativo. La ristrutturazione del sistema produttivo va invece indirizzata e accompagnata, non solo attraverso gli ammortizzatori sociali, ma anche con interventi capaci di individuare e valorizzare imprese e settori ancora vitali, riducendo i ''colli di bottiglia'' che ne limitano l'azione, a partire da quelli creditizi e finanziari. Va accompagnata da politiche mirate, fra le quali la spesa per infrastrutture, il sostegno alla ristrutturazione, alla ricerca, all'innovazione, alle esportazioni, appaiono assolutamente prioritari''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello