martedì 21 febbraio | 13:35
pubblicato il 09/mag/2014 11:44

Prod Ind: Mameli (Intesa SP), a marzo calo a sorpresa

Prod Ind: Mameli (Intesa SP), a marzo calo a sorpresa

(ASCA) - Roma, 9 mag 2014 - La produzione industriale e' calata a sorpresa a marzo, di -0,5% ed e' la seconda flessione consecutiva dopo quella di febbraio (rivista al rialzo di un decimo a -0,4% m/m), e la terza negli ultimi quattro mesi. L'output accelera su base annua (a 1,1% da 0,4% precedente) in termini grezzi, ma torna in territorio negativo se corretto per i giorni lavorativi (a -0,4% da +0,4% di febbraio). Il livello della produzione resta in (lieve) ripresa dai minimi di agosto, ma e' piu' basso di oltre il 25% rispetto al picco pre-crisi (toccato nell'agosto del 2007). E' quanto rileva Paolo Mameli, senior economist del Servizio Studi di Intesa Sanpaolo, indicando che il calo e' generalizzato a tutti i raggruppamenti principali di industrie con la rilevante eccezione dei beni strumentali (+0,6% m/m; anche gli indici di fiducia segnalano una miglior tenuta di questo comparto). In decisa flessione i beni di consumo (-3,2% m/m), in particolare non durevoli (-3,4%: e' la diminuzione piu' accentuata da quasi un anno e mezzo), un segnale che le imprese non vedono ancora segnali di recupero per la domanda finale delle famiglie. Arretra per il quarto mese consecutivo l'energia (-0,5% m/m).

Per quanto concerne il dettaglio per comparto di attivita' economica, nel mese si nota una caduta significativa in alcuni settori legati all'export come l'industria tessile (-4,4% m/m), farmaceutica (-2,4% m/m) e alimentare (-1,8% m/m). Cio' potrebbe essere dovuto all'effetto sulle vendite verso i Paesi al di fuori dell'eurozona del cambio forte (mentre le esportazioni verso i Paesi dell'eurozona sono si' in recupero ma non risultano ancora trainanti). Gli unici comparti in positivo risultano la fabbricazione di mezzi di trasporto (+3,6% m/m; segnali di ripresa del settore si erano visti gia' dal dato di contabilita' nazionale di fine 2013), l'industria del legno, carta e stampa (+1,6% m/m) e quella metallurgica (+1,3% m/m), oltre alla fornitura di energia elettrica, gas, vapore e elettricita' (+0,6% m/m) e di apparecchiature elettriche (+0,5% m/m). Anche su base annua lo spaccato per settore e' molto differenziato: emergono in positivo, grazie al rimbalzo messo a segno nel mese, la metallurgia (+7,5% a/a), la fabbricazione di mezzi di trasporto (+5,1% a/a) e l'industria del legno, carta e stampa (+5% a/a), mentre i comparti maggiormente in rosso risultano la fornitura di energia (-12,1% a/a), la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi (-8,4% a/a) e le apparecchiature elettriche (-8,1% a/a).

red/did/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia