sabato 03 dicembre | 18:54
pubblicato il 17/mag/2013 19:36

Previdenza: Casse tecniche, statalismo non risolve crisi

(ASCA) - Milano, 17 mag - ''Le norme che in questi anni hanno attratto le Casse di previdenza private verso il polo pubblico sono frutto delle azioni di governo anti-crisi, concentrate esclusivamente sul taglio dei costi per rimediare al disavanzo dello Stato''. Lo affermano i tre presidenti degli enti di previdenza privati Fausto Amadasi (Cassa geometri), Florio Bendinelli (Cassa periti industriali) e Paola Muratorio (Inarcassa), che hanno presentato, nell'ambito della Giornata nazionale della previdenza, il ''Progetto sinergia''.

La ricetta presentata ''vuole sfruttare - dice Paola Muratorio - il nostro effetto moltiplicatore: una rete tra Casse non per tagliare ma per moltiplicare i progetti e i risultati in una visione autonoma di efficienza privatistica.

Si tratta di una iniziativa nata fra pari, senza gerarchie, ispirata dall'affinita' delle professioni che condividono lo stesso mercato''.

Il percorso e' gia' cominciato. Le tre Casse hanno avviato un osservatorio giuridico comune e hanno unificato i criteri di rilascio della certificazione Durc necessaria per l'aggiudicazione di gare e appalti al fine di garantire ai professionisti tecnici una regola di trattamento unica e trasparente.

''Tutti - specifica Amadasi - siamo sensibili alle difficolta' di lavoro dei nostri professionisti, cosi' abbiamo introdotto percorsi che li agevolino quando intendono sanare la loro posizione pensionistica, spesso frutto di una situazione professionale di stasi: quando non entra un reddito sufficiente, gli enti di previdenza possono intervenire per dilazionare i contributi che i nostri iscritti devono versare''.

Le stesse sinergie nascono per creare opportunita' di lavoro ''ed evitare un popolo di liberi professionisti nuovi esodati, senza che nessuno ne parli'', insiste Amadasi.

''Ad esempio - continua Florio Bendinelli - grazie agli amici geometri, e a breve insieme ad ingegneri e architetti, abbiamo aderito all'iniziativa ''Valutazione del patrimonio pubblico on line'', per censire i beni dei comuni italiani, grandi e piccoli, e poi seguire la fattibilita' e l'esecuzione dei relativi progetti di riqualificazione''. In questo modo lo Stato non svende i propri beni ma li recupera, i nostri professionisti possono diventare consulenti con la pubblica amministrazione e i comuni italiani - ingessati dal rigore imposto dal patto di stabilita' - possono trovare una forma di finanziamento garantita.

Molti i progetti in campo: potenziare il sistema di garanzie e tutele a favore degli iscritti alle Casse di previdenza tecniche (il ''welfare allargato'') sfruttando la massa critica di 265.00 aderenti, lanciare un processo di formazione del personale delle Casse per farlo crescere migliorando la qualita' del loro servizio (una ''universita' aziendale''), studiare forme ancora piu' incisive per lo start up dei giovani professionisti ma soprattutto, conclude il professor Hinna, e' innovativa l'idea di creare sinergie complementari. ''Le Casse tecniche non vogliono correre in parallelo ma vogliono passarsi il testimone condividendo i loro punti di forza: e questa voglia di staffetta e' la base per crescere non tagliando i costi ma usando intelligentemente le risorse disponibili. E infine, dando anche una mano a far ripartire l'economia''.

com/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari